DEFR (il Documento di Economia e Finanza Regionale): le prime osservazioni del Governatore Zaia | CafèTV24
Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
giovedì , 14 dicembre 2017
Home / Notizie / Cronaca / DEFR (il Documento di Economia e Finanza Regionale): le prime osservazioni del Governatore Zaia

DEFR (il Documento di Economia e Finanza Regionale): le prime osservazioni del Governatore Zaia

“Guardando al bilancio di quest’anno dobbiamo sapere da dove siamo venuti e le difficoltà che abbiamo dovuto superare insediandoci in anni di crisi, in cui molte imprese si sono liquefatte e si sono registrati 150 suicidi, e di continui tagli statali, ereditando anche debiti fuori bilancio come nella sanità (1,3 miliardi). Nonostante tutto, pensiamo di aver presentato un bilancio credibile, sobrio e sicuramente “tax free””. Lo ha detto il presidente della Regione Luca Zaia intervenendo oggi in Consiglio regionale all’apertura della discussione sulla manovra di bilancio previsionale 2018-2020 che è allineato con il DEFR (il Documento di Economia e Finanza Regionale).

Manifestando comunque disponibilità ad accogliere proposte in senso migliorativo, Zaia ha sottolineato che “con questo bilancio abbiamo voluto puntare ad un’amministrazione che fosse virtuosa”. E questo nonostante la “cura dimagrante” imposta alle risorse a disposizione di ciascun assessorato da destinare al territorio, che sono diminuite progressivamente passando da 491 milioni di euro del 2010 a poco più di 60 milioni di euro per l’esercizio 2018. Zaia ha fatto rilevare che ai tagli ai trasferimenti praticati dai diversi governi nei confronti di Regioni e autonomie locali non sono corrisposti tagli altrettanto consistenti alle spese dei ministeri.

Tornando al tema della tassazione, Zaia ha confermato che sarà mantenuto l’impegno a non mettere le mani nelle tasche dei cittadini. “Siamo l’unica regione a non aver applicato l’addizionale regionale – ha detto – rinunciando ad un gettito annuale di 1159 milioni. E’ stata una scelta strategica che ha significato lasciare maggior capacità di spesa ai nostri cittadini e alle nostre imprese. Rivendico questo principio nel pieno rispetto delle regole fiscal compact, che ci obbligano a particolari budget di investimento, limitando di molto la nostra libertà di movimento”. “Qualcuno ci potrà obiettare – ha precisato Zaia – che abbiamo tentato di farlo per la Pedemontana: ma ricordo che abbiamo ipotizzato solo in via precauzionale l’aumento dell’addizionale, per arrivare alla trattativa con la valigetta ‘piena’. Oggi questa partita è chiusa. La pressione fiscale in Italia è già del 68%, non vogliamo appesantirla ulteriormente”. Zaia ha fatto un passaggio sulla proposta messa sul tappeto di introdurre una tassa di scopo per il sociale.

DEFR (il Documento di Economia e Finanza Regionale).

Articolo di Redazione Padova

Leggi anche...

tram-padova

Sciopero del trasporto pubblico: sabato 18 dicembre astensione totale.

  Sabato prossimo  18 dicembre  è  rischio paralisi alla circolazione con lo sciopero di Busitalia che è ...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current day month ye@r *

Procedendo la navigazione acconsenti l'uso dei cookies per una navigazione migliore su CafèTV24
Ok