Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
sabato , 21 ottobre 2017
Home / Notizie / Evento a 100 anni dalla Grande Guerra: Cividale del Friuli ricorda la distruzione del Ponte, ospite Zingaretti
_G. BURELLO_ Cividale_H7A4070 (21)

Evento a 100 anni dalla Grande Guerra: Cividale del Friuli ricorda la distruzione del Ponte, ospite Zingaretti

Il 27 ottobre 1917, dopo le estenuanti e sanguinose battaglie dell’Isonzo e la ritirata di Caporetto del 24 ottobre, l’esercito italiano fa brillare il Ponte del Diavolo di Cividale del Friuli sul fiume Natisone per rallentare l’ingresso degli austroungarici dopo una notte durante la quale la città era stata tenuta costantemente sotto il fuoco nemico.

Il 27 ottobre 2017 il Comune di Cividale del Friuli, con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia e la partecipazione di molte realtà associative, organizza un grande evento per ricordare quel preciso momento della nostra storia tramite una cerimonia culmine di una serie di iniziative culturali, mostre, incontri ed approfondimenti dedicati alla Grande Guerra sul territorio cividalese.

La “cerimonia”
L’appuntamento è per il pomeriggio di venerdì 27 nel cuore di Cividale, nei pressi del Ponte del Diavolo in Borgo di Ponte: cento rintocchi di campana seguiti da un coro che intonerà l’inno d’Italia faranno da ouverture ai saluti istituzionali e a Luca Zingaretti, attore cinematografico e volto televisivo molto noto e amato, che racconterà i giorni dell’invasione.
L’artista interpreterà, con una lettura scenica, alcuni brani tratti dai diari in cui Monsignor Valentino Liva aveva raccontato i giorni dei bombardamenti, la sofferenza della popolazione durante l’occupazione e la successiva liberazione.
Il racconto sarà intervallato dalle note del pianoforte di Andrea Rucli, noto pianista cividalese. Oltre alla tribuna riservata alle istituzioni, il sagrato della Chiesa di San Martino e le zone adiacenti saranno aperti al pubblico (fino ad esaurimento capienza per motivi di sicurezza), così come il Corso Paolino d’Aquileia che conduce al ponte. In piazza Duomo sarà posizionato un maxischermo per assistere in diretta alla cerimonia.

Il ponte diventa opera d’arte e di pace
Artisti di strada provenienti da Italia, Slovenja, Austria e Germania, in una sorta di patto di pace tra nuove generazioni, realizzeranno un trompe l’oeil sul piano di calpestio e sui parapetti del Ponte del Diavolo in modo da ricreare, attraverso un magistrale dipinto in 3d, il greto del fiume Natisone e, di conseguenza, il vuoto prodotto dalla demolizione del ponte stesso. Trattasi di un’installazione realizzata in collaborazione con la Pro Loco di Curtatone (MN) che ogni anno organizza il concorso internazionale dei Madonnari.
Non solo: il Centro Friulano Arti Plastiche di Udine ha realizzato un’opera d’arte per la pace che galleggerà sull’acqua del Natisone al di sotto del ponte

Al teatro comunale Ristori (ore 21)
Gli studenti del Convitto Nazionale Paolo Diacono insieme all’associazione Parco del Natisone metteranno in scena “I ragazzi del ’99 narrano”: nel 1917, infatti, furono mandati al fronte i ragazzi nati nel 1899, mentre quest’anno chi è nato nel 1999 compie 18 anni.
La narrazione teatrale racconterà gli eventi accaduti tra il 23 e il 31 ottobre del ’17 attraverso una simulazione telegiornalistica.

“L’evento a cui le persone assisteranno il 27 ottobre è davvero unico e irripetibile per il suo impatto scenografico e per il coinvolgimento emotivo che sicuramente genererà nel pubblico – commenta il Sindaco di Cividale Stefano Balloch – si tratta di una pagina importantissima per la storia italiana. Il Comune di Cividale del Friuli, già patrimonio Unesco, con un grande sforzo organizzativo e con il fondamentale sostegno della Regione e di tutte le istituzioni e le associazioni coinvolte, diventerà per un giorno capitale della memoria storica d’Italia, facendo puntare i riflettori sul Friuli Venezia Giulia”

“Sono profondamente convinta che i fatti storici accaduti cento anni fa a Caporetto e a Cividale debbano essere raccontati ai giovani in modo diverso, con il linguaggio attuale e coinvolgente dell’arte– commenta l’Assessore alla cultura Angela Zappulla – il progetto di Cividale vuole essere, inoltre, un progetto civile che intende parlare di persone, città e territori lanciando un messaggio di pace”.

 

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & Network Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

alessandra aita

Inaugurata a Treviso la mostra di Alessandra Aita, giovane e promettente artista friulana di Buja

Sabato 14 ottobre 2017, alle ore 17.30,  presso la  galleria WEB ART MOSTRE di TREVISO ...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current day month ye@r *

Procedendo la navigazione acconsenti l'uso dei cookies per una navigazione migliore su CafèTV24
Ok