TOP NEWS

Vaccino, dall’Ema via libera alla terza dose per i fragili

CAMPAGNA VACCINI
VACCINAZIONI
PERSONALE SANITARIO
COVID19 VACCINO VACCINAZIONE VACCINAZIONI ANTI CORONAVIRUS
PERSONALE MEDICO SANITARIO OPERATORE OPERATORI SANITARI IN ABBIGLIAMENTO PROTETTIVO PREPARAZIONE DOSE DOSI SIRINGA SIRINGHE STERILI FIALA FIALE PFIZER BIONTECH

AMSTERDAM (PAESI BASSI) (ITALPRESS) – Per il Comitato per i medicinali umani (CHMP) dell’EMA una dose extra dei vaccini COVID-19 Comirnaty (BioNTech/Pfizer) e Spikevax (Moderna) può essere somministrata a persone con sistema immunitario gravemente indebolito, almeno 28 giorni dopo la loro seconda dose.
La raccomandazione arriva dopo che gli studi hanno dimostrato che una dose extra di questi vaccini ha aumentato la capacità di produrre anticorpi contro il virus che causa il COVID-19 nei pazienti sottoposti a trapianto di organi con sistema immunitario indebolito.
“Sebbene non ci siano prove dirette che la capacità di produrre anticorpi in questi pazienti sia protetta contro il COVID-19 – spiega l’Agenzia Europea per i Medicinali in una nota -, si prevede che la dose extra aumenterebbe la protezione almeno in alcuni pazienti. L’EMA continuerà a monitorare tutti i dati che emergono sulla sua efficacia”.
(ITALPRESS).

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button