Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Cronaca / 6 Arresti per traffico illecito di rifiuti alla Co.im.po di Rovigo

6 Arresti per traffico illecito di rifiuti alla Co.im.po di Rovigo

Associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti:  è questa l’accusa che ha fatto scattare  sei arresti nell’ambito di un’inchiesta condotta dei carabinieri dell’Unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare, coordinati dal sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia di Venezia Giovanni Zorzi. Le indagini sono iniziate in seguito al tragico incidente che è costato la vita a quattro lavoratori, il 22 settembre 2014, uccisi da una  nube tossica che si è sprigionata mentre veniva scaricata un’autocisterna di anidride solforica in una vasca di stoccaggio dei fanghi dell’impianto polesano della ditta Coimpo che sorge nella frazione di Ca’ Emo, ad Adria, in provincia di Rovigo. I sei arrestati sono i responsabili dell’azienda e dell’altra azienda sorella che lavorava nello stesso impianto, la Agribiofert.   Oltre al processo, attualmente in corso, per l’ipotesi di reato di omicidio colposo legato alla tragedia sul lavoro del settembre 2014, che vede gli stessi sei indagati imputati insieme ad altre due persone, nel settembre dello scorso anno è deflagrata un’altra inchiesta analoga a quella della Dda veneziana, condotta però dalla Dda di Firenze, che contesta alla Coimpo l’esercizio abusivo di un’attività organizzata per le gestione di circa 13mila tonnellate l’anno di fanghi di depurazione contenenti sostanze pericolose o comunque inquinanti derivanti da cicli industriali incompatibili con un reimpiego in agricoltura, sversati nella campagna toscana fra 2013 e 2015 ottenendo un ingiusto profitto di poco meno di 2 milioni di euro. Il GIP di Venezia ha disposto il sequestro preventivo dello stabilimento CO.IM.PO. ubicato in loc. Ca’ Emo nel comune di Adria (RO) nonché di 280 ettari di terreni agricoli ubicati nei comuni di Adria e Pettorazza Grimani in provincia di Rovigo che venivano utilizzati per lo smaltimento di enormi quantità di questi fanghi che solo sulla carta avevano subito il processo di trattamento ai fini di un loro corretto recupero; disposto anche il sequestro di 9 mezzi di trasporto di proprietà della stessa CO.IM.PO. srl e di altri 57 mezzi agricoli di proprietà di undici imprese diverse ma tutti utilizzati per il trasporto illegale di questi rifiuti. Il valore dei beni sottoposti a sequestro viene stimato in circa 20 milioni di euro.

6 Arresti per traffico illecito di rifiuti alla Co.im.po di Rovigo

Articolo di Redazione Padova

Leggi anche...

VENEZIA : Domani 23 ottobre alla Scuola Grande Convegno “15 anni di Peer Education in Veneto” . 80.000 giovani del Veneto coinvolti

80.000 studenti delle scuole secondarie di secondo grado in Veneto sono già stati coinvolti attivamente ...

Rispondi