Acque inquinate nel canale Osellino (VE): M5S, non si depurano alzando i limiti di tolleranza a colpi di legge

Treviso, 10 ottobre 2015 – “Se le acque di scarico del depuratore di Campalto sono inquinate, non si depurano alzando i limiti di tolleranza a colpi di legge. E sembra incredibile che la Regione Veneto prenda in considerazione questa ipotesi, così come dimostra la delibera di Giunta del 15 settembre pubblicata recentemente nel Bur. Zaia intervenga per verificare le cause dell’alta concentrazione di agenti inquinanti. E non perda tempo a giustificare la cosa con le presunte alte concentrazioni naturali di arsenico. Dentro quelle acque c’è molto di più e dipende dai molti veleni chimici prodotti dall’uomo, non dalla natura”.

“Il Movimento 5 Stelle non è disposto ad accettare soluzioni di comodo che non cambiano di fatto la situazione”. È quanto ribadito dal senatore trevigiano Gianni Girotto il 9 ottobre in Senato, dopo aver appreso le preoccupanti notizie di stampa sulla questione del depuratore di Campalto.

“Sulla vicenda chiediamo l’intervento del ministero dell’Ambiente affinché venga ripristinato il buon senso. Ma soprattutto affinché vengano fatte delle serie verifiche ambientali per capire le vere cause dell’inquinamento del canale Osellino, che a sua volta sversa nella laguna di Venezia.

Gianni Girotto, Capogruppo M5S – X Commissione Industria Senato