Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / IL CANTIERE NAVALE VITTORIA COSTRUIRÀ UNA NAVE SCUOLA PER IL CENTRO DI FORMAZIONE SUBACQUEA DI ZARZIS

IL CANTIERE NAVALE VITTORIA COSTRUIRÀ UNA NAVE SCUOLA PER IL CENTRO DI FORMAZIONE SUBACQUEA DI ZARZIS

Il Cantiere Navale Vittoria si è aggiudicato la commessa per la realizzazione di una nave scuola per la Marina Militare tunisina. L’unità navale, una Diving Support Vessel, sarà pronta per l’estate 2016 e verrà impiegata per le attività di formazione e addestramento dei sommozzatori del centro di formazione subacquea di Zarzis. La fornitura della nave scuola per i sommozzatori è parte dagli accordi di cooperazione internazionale tra l’Italia e la Tunisia sottoscritti lo scorso aprile. In base all’intesa il governo italiano contribuirà al finanziamento dell’equipaggiamento necessario. Il valore complessivo della commessa per l’unità navale è di 8 milioni di euro.

La nave, una monocarena lunga 36 metri e larga 8.5, è stata progettata per garantire stabilità di rotta e di piattaforma a qualunque andatura. L’imbarcazione può raggiungere una velocità massima di 17 nodi, una velocità di servizio di 12.5 nodi e potrà ospitare un equipaggio di 12 persone più 18 sommozzatori. Sarà completa di tutte le attrezzature necessarie a supportare le operazioni di immersione di sommozzatori e istruttori, nel rispetto delle principali norme internazionali e delle regolamentazioni del RINa (Registro Italiano Navale), una delle più affidabili società di classifica mondiali e socio fondatore dell’IACS, associazione internazionale delle società di classificazione.

Cantiere Vittoria equipaggerà l’imbarcazione anche di tutti gli allestimenti specifici per fornire il dovuto supporto ai subacquei:

  • Camera di decompressione
  • Sistema di produzione, depurazione, stoccaggio d’aria respirabile e gas terapeutico
  • Campana di immersione in grado di condurre gli allievi in acqua fino a 100 metri di profondità

Non è la prima volta che il Cantiere Navale Vittoria realizza unità navali destinate alle autorità tunisine. In base agli accordi del 2011 tra il governo italiano e quello tunisino per il controllo e il monitoraggio dei flussi migratori nel Mediterraneo, il cantiere veneto ha costruito per la marina militare e la guardia costiera tunisina 12 pattugliatori. Le ultime due imbarcazioni, le P210 “DESTOUR” e GN3506 da 27 e 35 metri, sono state consegnate lo scorso 15 aprile nel corso di una cerimonia ufficiale nella sede del Cantiere Navale Vittoria, alla quale hanno preso parte il ministro dell’interno Mohamed Najem Gharsalli e l’ambasciatore tunisino a Roma Naceur Mestiri.

«Per il cantiere e i suoi 65 lavoratori – commenta Luigi Duò, presidente di Cantiere Navale Vittoria SpA – questa commessa rappresenta un risultato che conferma la validità dei nostri investimenti in ricerca e innovazione, la centralità del cantiere nel mercato internazionale e garantisce continuità alla collaborazione e ai rapporti con le autorità e le istituzioni tunisine».

*******

Cantiere Navale Vittoria

L’azienda, fondata ad Adria (Veneto) nel 1927 dalla famiglia Duò, progetta e realizza imbarcazioni militari, da lavoro e passeggeri rispettando elevati standard qualitativi comprovati dalle certificazioni ISO 9001 (Sistemi di gestione per la Qualità – Requisiti), ISO 14001 (Sistema di gestione Ambientale), OHSAS 18001 (Sistema di gestione della Sicurezza e della Salute dei Lavoratori). Dalla sua fondazione il Cantiere Navale Vittoria ha costruito più di 860 unità navali, aggiudicandosi nel tempo diverse forniture per imbarcazioni della Guardia Costiera italiana, della Guardia di Finanza e della Marina Militare. L’azienda si è aggiudicata inoltre numerose commesse internazionali da Cipro, Libia, Croazia, Slovenia, Tunisia e Romania. Recentemente sono stati consegnati alla Guardia di Finanza i pattugliatori Monte Sperone e Monte Cimone, 58 metri di lunghezza, le più grandi navi mai costruite per le Fiamme Gialle e attuali navi ammiraglie del Corpo. In aprile l’azienda ha completato per la Marina Militare e la Guardia Nazionale Tunisina i due pattugliatori P210 “DESTOUR” e GN3506, da 27 e 35 metri.

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

Crollo Ponte Morandi: morti Axelle, Melissa, Nathan e William, ventenni francesi diretti in Sardegna

Axelle Place, Melissa Artus-Bastit e Nathan Gusman, William Pouzadoux. Ci sono anche questi quattro ragazzi ...

Rispondi