Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Cronaca / CAORLE – BRUCIA LA NAVE, MA E’ UNA ESERCITAZIONE

CAORLE – BRUCIA LA NAVE, MA E’ UNA ESERCITAZIONE

A fuoco la nave, ma è solo una esercitazione. Nell’ambito dell’attività istituzionale di soccorso marittimo, si è svolta all’interno delle acque portuali della foce del Fiume Livenza a Caorle una esercitazione complessa di emergenza antincendio sotto il coordinamento della Guardia Costiera di Caorle diretta dal Tenente di Vascello Sandy BALLIS. L’evento ha visto coinvolta la nave trasporto passeggeri “Caorle” in uscita dal porto, interessata da un simulato incendio a bordo, ed il tempestivo intervento della Motovedetta CP565 e del battello veloce A03 del locale Ufficio Circondariale Marittimo per le operazioni di spegnimento e recupero di persona ferita caduta in acqua, nonché della vedetta V633 della Sezione Navale della Guardia di Finanza per l’attività di polizia marittima. La sala operativa della locale Guardia Costiera ha anche attivato il dispositivo organizzativo terrestre con la partecipazione di autopompa dei Vigili del Fuoco volontari di Caorle e di pattuglie congiunte della Guardia Costiera e della stazione Carabinieri di Caorle per le attività di ordine pubblico e polizia stradale nei pressi della zona dell’evento. L’occasione è stata preziosa per addestrare tutto il personale incardinato nell’organizzazione di emergenza, per valutare la prontezza operativa e per testare col più ampio realismo la macchina dei soccorsi in mare e a terra, i tempi di intervento ed il coordinamento degli Enti competenti in tali tipi di eventi sotto la direzione dell’Autorità Marittima di Caorle in vista anche dell’inizio della stagione estiva. Nel corso dell’esercitazione è stata altresì impiegata l’unità navale B58, da questa stagione estiva, dislocata permanentemente presso la Delegazione di Spiaggia di Bibione al fine di incrementare il livello di sicurezza in mare da parte della Guardia Costiera in zone particolarmente sensibili per il rilevante afflusso turistico e dove risulta essenziale tutelare l’incolumità di tutti gli utenti del mare con attività di polizia e soccorso marittimo.

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

VENETO : INQUINAMENTO DELLE ACQUE DA PFAS , DAL MINISTERO DELL’AMBIENTE 46,1MILIONI DI EURO , IN ARRIVO ALTRI 80 MILIONI

Il Ministero dell’Ambiente ha ufficialmente avviato in queste ore  il trasferimento delle risorse economiche necessarie ...

Rispondi