Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Cronaca / CERVIGNANO – FRIULANO UNO DEI GIOSTRAI MORTI IN AUTO

CERVIGNANO – FRIULANO UNO DEI GIOSTRAI MORTI IN AUTO

Una doppia vita per Romeo Dell’ Innocenti, 46 anni di Cervignano, deceduto nello schianto dell’ altra notte a Silea (Treviso) mentre fuggiva dopo una serie di colpi ai bancomat del Nordest. Faceva parte infatti di quel gruppo che ha assaltato gli sportelli di 3 banche. E’ quanto emerge dalle indagini dei carabinieri. L’ uomo proveniva dalla Bassa Friulana, dove da anni gestiva l’ attività di intrattenimento nelle feste di paese della provincia di Udine. A quanto pare però si era messo sulla cattiva strada. Con un gruppo di colleghi in poche ore aveva fatto esplodere gli sportello bancari di mezzo Veneto. Utilizzando la classica “marmotta” contenente dell’esplosivo alle 2.30 aveva colpito a Masi (in provincia di Padova), alle 3.30 a Breganze (Vicenza) e poi i 4 giostrai avevano messo nel mirino la banca di credito cooperativo di Monastier e del Sile di San Cipriano facendolo saltare in aria. Qui, alle 4.20, era andato tutto liscio: il bottino era stato di oltre 50mila euro con danni ingentissimi alla filiale. Ma, pochi minuti dopo, quel secondo boato più violento del precedente. L’Audi A4 Rs6 della banda, lanciata a folle velocità (pare a 150 all’ora) da San Cipriano in direzione Silea, in località Canton giunge in prossimità di un bivio. L’uomo alla guida della vettura vede avvicinarsi in lontananza, in senso contrario lungo via Belvedere, il lampeggiante di un metronotte che sta effettuando un giro d’ispezione nella zona e decide, d’istinto, di deviare all’ultimo istante verso via Bassa Trevigiana. È una manovra folle: la velocità è troppo elevata. L’automobilista perde completamente il controllo del mezzo che sradica un palo della luce, si schianta contro il muretto di cinta dell’azienda “Utensilea”, centra un ponticello in cemento e si rovescia. Una carambola tremenda di quasi cento metri. Il bilancio è tragico: due morti e due feriti. Irriconoscibili i corpi di Giancarlo Garbin, 35 anni di Crocetta del Montello, e di Romeo Dell’Innocenti, nato il 21 settembre del 1968 a Pordenone e residente a Cervignano. Per risalire a loro gli investigatori dell’ Arma hanno faticato, nonostante il confronto con la banca dati attraverso le impronte digitali.Da lì è emerso che tra i deceduti c’ era anche il giostraio di Cervignano.Un’ attività che Dell’ Innocenti aveva avviato proprio nella Bassa. Fino al 2000 era infatti residente in piazza Indipendenza a Cervignano, salvo poi trasferirsi a Treviso, in centro. Dopo due anni era invece tornato nella cittadina friulana, trovando questa volta la residenza in via Municipio. Indirizzi a cui facevano riferimento anche alti colleghi giostrai nel corso degli anni. Nonostante le difficoltà per una attività che non fruttava più di tanto, il 46enne aveva continuato a girare per il Friuli. Solo qualche anno fa aveva chiesto di partecipare anche ai festeggiamenti settembrini di Mortegliano. Un’ occasione per cercare di lavorare anche d’ inverno. A quanto pare però si era messo sulla cattiva strada.

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

ABANO TERME (PD) : VISITA DELL’ASSESSORE DE BERTI AL CENTRO CONTROLLO AL TRAFFICO E ASSISTENZA AL VOLO AERONAUTICO

L’Assessore regionale ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti Elisa De Berti ha fatto visita oggi ...

Rispondi