Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Eventi / CINEMAZERO: “ASPETTANDO LE VOCI” PRESENTA IL DOCUMENTARIO “SONITA”, LA STORIA DI UNA GIOVANE RAPPER AFGHANA CHE DENUNCIA I MATRIMONI FORZATI

CINEMAZERO: “ASPETTANDO LE VOCI” PRESENTA IL DOCUMENTARIO “SONITA”, LA STORIA DI UNA GIOVANE RAPPER AFGHANA CHE DENUNCIA I MATRIMONI FORZATI

Un nuovo appuntamento a Cinemazero a Pordenone con le proiezioni settimanali che accompagnano il pubblico verso la X edizione dell’unico festival italiano dedicato all’inchiesta, Le Voci dell’Inchiesta, che presenterà tra il 5 il 9 aprile una selezione delle migliori produzioni internazionali di cinema del reale dell’ultimo anno. Il ciclo di appuntamenti “Aspettando le Voci”propone un assaggio di cinema del reale con esclusivi documentari dai migliori festival del mondo e la presenza di registi e giornalisti per scoprire alcuni temi della decima edizione del Festival. La proiezione di questa settimana è programmatamercoledì 8 marzo, sempre alle 21.00, in concomitanze con la Giornata internazionale della donna.

Premiato al Sundance Film Festival 2016 come miglior documentario internazionale e, nello stesso anno, premio del pubblico al Documentary Film Festival di Amsterdam, arriva a Pordenone il documentario della regista Rokhsareh Ghaem Maghami Sonita, una coproduzione Germania, Iran e Svizzera. InIran le donne non possono cantare, è vietato, così come in Afghanistan: non sono Paesi per donne. Lo ha vissuto sulla sua pelle la protagonista del film, Sonita, nata a Teheran ma scappata ancora piccola con la famiglia in Iran, così com’è capitato a milioni di afghani in un esodo cominciato nel 1979, ai tempi dell’invasione sovietica dell’Afghanistan, e mai interrotto.

Rokhsareh Ghaem Maghami conosce casualmente Sonita nella sede di una organizzazione umanitaria impegnata in programmi di sostegno a favore di ragazzi afgani. Il suo sogno è di diventare una rapper famosa e come ogni rapper, vuole dare voce a tutta la sua rabbia. Difficile farlo in Iran, figuriamoci in Afghanistan, un Paese che alle donne ha a lungo vietato andare a scuola, uscire di casa da sole o apparire in pubblico senza burqa“Voglio cantare quello che ho nel cuore e far arrivare il mio messaggio ovunque”,spiegava Sonita che con la sua voce voleva denunciare la condizione di tutte le donne indifese dell’Afghanistan, che spesso ha incontrato con il volto tumefatto e l’animo a pezzi.

Anche lei stava per essere venduta a un marito molto più grande di lei disposto a pagare novemila dollari per averla. I soldi servono al fratello di Sonita …. per comprarsi una moglie!

Nove donne su dieci in Afghanistan subiscono violenza fisica e psicologica e sono costrette a sposarsi. Secondo i dati delle Nazioni Unite il 15% delle donne afgane sono date in moglie prima dei quindici anni, malgrado la legge stabilisca il limite di sedici anni. Il 60% di tutti imatrimoni sono forzati.

La regista si sente sempre più coinvolta nella lotta di Sonita per la libertà e la aiuta ad evitare questo matrimonio. Nel 2014 grazie alla sua musica e ai suoi testi Sonita diventa famosa divenendo un’attivista impegnata e di successo grazie a Daughters for sale, il suo video che in poco tempo fa il giro del mondo. Un video di forte impatto, Sonita indossa un abito da sposa bianco su uno sfondo nero, il volto pieno di lividi e sulla fronte un codice a barre, come una merce da supermercato. Grazie al suo video Sonita attira l’attenzione di una Ong americana,Strongheart Group, che la sponsorizza per ottenere un permesso studio negli Stati Uniti: da qui Sonita ha lanciato una campagna internazionale, per sensibilizzare l’opinione pubblica internazionale sul tema dei matrimoni forzati.

 

La proiezione a Cinemazero è organizzata in collaborazione con Neda Day e con il Comune di Pordenone. Attesa ospite della serata l’attivista iraniana Najmeh Musavi Piambari, consigliera capo per progetti europei del governo francese.

 

Si ricorda che chi si abbona subito al festival Le Voci dell’Inchiesta potrà accedere a prezzo ridotto a tutte le proiezioni di “Aspettando le Voci”, oltre ad avere accesso a tutte le proiezioni ed eventi del festival. Modalità di abbonamento su www.voci-inchiesta.it

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

ABANO TERME (PD) : VISITA DELL’ASSESSORE DE BERTI AL CENTRO CONTROLLO AL TRAFFICO E ASSISTENZA AL VOLO AERONAUTICO

L’Assessore regionale ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti Elisa De Berti ha fatto visita oggi ...

Rispondi