Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Eventi / Coltivare l’orto ed essere felici. Stefano Montello si racconta a Friuli Innovazione

Coltivare l’orto ed essere felici. Stefano Montello si racconta a Friuli Innovazione

Un appuntamento da non perdere quello di giovedì 9 marzo 2017 (ore 18.00) che inaugura la nuova serie di “Incontri Fuori Porta. Conversazioni al Parco” organizzati da Friuli Innovazione al Parco Scientifico e Tecnologico Luigi Danieli di Udine. Si tratta dell’evento – gratuito ed aperto a tutti – “Stefano Montello. Coltivare l’orto ed essere felici”, una chiacchierata con l’autore su agricoltura, psiche e fattorie sociali.

La nuova rassegna di Friuli Innovazione prevede un fitto calendario di incontri per conversare in libertà su tematiche che riguardano la vita di tutti i giorni come la meteorologia, l’alimentazione, l’agricoltura o la montagna, solo per citarne alcune. Non solo innovazione, start up e progetti ad alto contenuto tecnologico dunque, ma anche argomenti che riguardano il sociale, il tempo libero, la società in generale.

“Coltivare l’orto ed essere felici” è il primissimo appuntamento che apre questo nuovo ciclo di eventi con l’atteso ospite Stefano Montello, contadino, ma anche scrittore, musicista e “fattore sociale”.

Autore di due libri “Manuale ragionato per la coltivazione dell’orto” e “L’albero capovolto. Le opere e i giorni in una fattoria sociale”, Montello farà conoscere al pubblico presente i temi a lui più cari appartenenti alla sua personale e quotidiana esperienza: la coltivazione della terra, l’esperienza di lavoro di un contadino, il rapporto con la stagionalità. Parlerà anche di psichiatria e della vita pratica in una fattoria sociale, di come la natura e il contatto con la terra possano aiutare in meglio la psiche e l’animo umano. Ad approfondire con lui queste tematiche di rilevante carattere sociale ci sarà l’operatore della salute mentale Fulgenzio Baldin.

Un appuntamento interessante, quindi, quello che propone Friuli Innovazione il 9 marzo alle ore 18.00 al Parco Luigi Danieli di Udine (Zona ZIU), con tematiche di forte attualità che possono offrire preziosi consigli per la vita di tutti giorni per vivere felici.
L’evento è gratuito e aperto a tutti. Per informazioni: Friuli Innovazione, tel. 0432 629942.
L’ospite
Stefano Montello, friulano, fa il contadino di mestiere da oltre trent’anni. Attraverso questa attività è riuscito ad alimentare le sue due principali passioni, la musica e la scrittura. Inizia la sua carriera da chitarrista negli anni Ottanta per poi fondare il noto gruppo musicale degli FLK (band etno-rock friulana), di cui è autore di tutti i testi, avviando una proficua produzione di dischi e concerti che continua oggigiorno. È autore di vari testi teatrali (si ricorda “La Sere dal Mulinar”, scritto con Flavio Zanier, con decine di repliche in tutta la Regione per varie stagioni) e di due libri: “Manuale ragionato per la coltivazione dell’orto” e “L’albero capovolto. Le opere e i giorni in una fattoria sociale”. Dagli 2011 è responsabile della “Fattoria Sociale Volpares” di Palazzolo dello Stella dove insegna la coltivazione della terra a persone con disturbi psichiatrici o che presentano forme di fragilità o svantaggio psico-fisico o sociale.
I suoi libri
“Manuale ragionato per la coltivazione dell’orto” è il primo libro pubblicato (nel 2014, Forum Edizioni) da Stefano Montello con prefazione di Pierluigi Cappello. Una sorta di trattato all’antica, sapiente e ironico, che racchiude scienza e arte, spaziando dall’agronomia alla filosofia, dalla geometria alla poesia. L’orto raccontato è quello con la “O” maiuscola che diventa metafora della conoscenza, della curiosità, della pazienza e dell’osservazione sistematica e incantata della natura.

“L’albero capovolto. Le opere e i giorni in una fattoria sociale”, secondo libro di Stefano Montello, scritto nel 2016 e edito da Bottega Errante. Racchiude l’esperienza di vita dell’autore che dagli inizi degli anni Novanta conduce una fattoria sociale. Un saggio/romanzo sulla terra e sull’esperienza direttamente vissuta di agricoltore e “fattore sociale”, sulla psichiatria e sul rapporto tra normalità e anormalità sperimentato con gli ospiti della Fattoria Sociale “Volpares”, dove attraverso la conoscenza e la coltivazione della terra cerca di aiutare persone con disturbi psichiatrici o che presentano forme di fragilità/svantaggio psico-fisico o sociale.

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

Aquaticrunner 2018, uno straordinario successo!

Il mondiale individuale di Swimrun nonchè campionato italiano CSEN (infatti venivano assegnati due titoli alla ...

Rispondi