Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Festa del Pesce 2016: il recupero delle tradizioni

Festa del Pesce 2016: il recupero delle tradizioni

Sabato 24 e domenica 25 settembre si è tenuta la Festa del Pesce: sono stati due giorni ricchi di appuntamenti, tra regata di gondole, spettacoli teatrali, concerti e gara del bisato, durante i quali è stato possibile gustare il pesce fresco del nostro mare, proposto sia fritto che alla griglia. La Festa del Pesce è stata un’ottima occasione, quindi, per recuperare le tradizioni, la storia e le usanze locali: sono stati rievocati, infatti, alcuni momenti classici della vita dei pescatori, innanzitutto con la ricostruzione del “Casone”, caratteristica abitazione che nei secoli scorsi veniva utilizzata da pescatori e cacciatori come base per le loro attività.

Sabato è stata proposta, per la prima volta in assoluto a Caorle, una regata di gondole, organizzata dalla Voga Caorle. Quattro gli equipaggi che si sono confrontati: Voga Caorle con Valente Giorgio e Gusso Davide; Remiera Treporti con Gregolin Rudy e Enzo Giovanni; Voga Giudecca e Voga Grado con Massaro Marino e Peroni Cristiano e Voga Miranese con Pagliarin Paolo e Corso Alessandro.

Per l’occasione il Sindaco di Caorle avv. Luciano Striuli e Mons. Giuseppe Manzato hanno celebrato il varo di una batea costruita dal Sig. Primo Valente: si tratta di un’imbarcazione tipica caorlotta, leggera e veloce, usata per pesca e caccia nelle valli. Il sig. Primo ha costruito questo prototipo con il preciso intento di invogliare eventuali sponsor a contribuire, anche economicamente, a mantenere vive queste tradizioni. Un suo grande desiderio sarebbe quello di poter riproporre le regate tra batee, come quelle che si tenevano, molti decenni fa, anche e soprattutto durante il periodo della fraima, compreso tra settembre e dicembre, nel quale i pescatori, terminata la pesca in mare, portavano a “cason” anche le famiglie con tutto l’occorrente (i fagoti) per rendere la permanenza il più possibile meno disagiata a donne e bambini. Terminata la pesca autunnale delle anguille, il 13 dicembre, le famiglie venivano riportate a casa.

Infine, nella serata di sabato, è stato proposto, in piazza Matteotti, lo spettacolo teatrale “Le baruffe chiozzotte” del Piccolo Teatro Città di Chioggia.

Nella giornata di domenica si è tenuta la tradizionale gara del bisato, che consiste nel catturare un’anguilla, posta in una grande vasca, rigorosamente senza l’utilizzo delle mani. Sono seguiti gli appuntamenti con il Coro Arcobaleno di Caorle e con il Teatro dei Pazzi, che hanno proposto lo spettacolo teatrale “Storie di mare”.

“Assessorato al Turismo e Assessorato alla Pesca hanno speso veramente molte energie e tempo per l’organizzazione di questa festa – spiegano l’Assessore al Turismo Alessandra Zusso e l’Assessore alla Pesca Rocco Marchesan – ma siamo stati ampiamente ricompensati dal riscontro ricevuto dai cittadini e dai turisti: aver ripristinato questa festa della tradizione culturale della città di Caorle è per noi un grande orgoglio”.

 

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

ABANO TERME :I CARABINIERI ARRESTANO ALTRI DUE ALBANESI STRONCANDO UN TRAFFICO DI COCAINA PURA ALL’85% GESTITO DA UN’ASSOCIAZIONE A DELINQUERE COMPOSTA DA 6 PERSONE .

Salgono a 6 persone , con i 2 effettuati nella mattinata odierna, gli  arrestati  dai ...

Rispondi