FIUME TAGLIAMENTO, Maddalena Spagnolo: indispensabile la messa in sicurezza

“La prosecuzione delle opere di messa in sicurezza del basso corso del Tagliamento sono quanto mai necessarie ma non sufficienti, perché sono indispensabili interventi anche nel medio corso del fiume”.

A dirlo, la consigliera regionale della Lega, Maddalena Spagnolo, in un intervento in Aula in merito agli eventi alluvionali che i giorni scorsi hanno flagellato il Friuli Venezia Giulia.

“Sono quanto mai indispensabili le opere nelle aree interessate dal Tagliamento – aggiunge la Spagnolo -, che è stato ancora una volta sorvegliato speciale nei Comuni del basso corso, dove si sono vissuti dei momenti di angoscia per quella che non è stata una sciagura solo grazie ad alcune coincidenze fortuite. L’alta marea, infatti, non è coincisa con la piena del fiume e le piogge hanno interessato relativamente il bacino del Tagliamento. Anche la volontà di intervenire attraverso opere di sghiaiamento e di manutenzione dei fiumi risulta fondamentale per garantire la sicurezza del territorio e dei cittadini.

“Grande apprezzamento per l’impegno del presidente della Regione, Massimiliano Fedriga, per il vicepresidente, Riccardo Riccardi, per gli assessori che sono andati nei territori, per la Protezione civile e per tutti i volontari che hanno lavorato senza sosta nei territori alluvionati, soprattutto in Carnia, l’area più colpita.

“Bene che per l’emergenza – afferma ancora la Spagnolo – siano già stati stanziati i fondi per dare le prime risposte: 4 milioni quest’anno e altri 6 nel 2019 dalla Giunta, 800mila euro dal Consiglio regionale e 6 milioni dal Governo, oltre ai 40 milioni del ministero dell’Ambiente per il dissesto idrogeologico. Importantissimo che il Governo abbia riconosciuto che il Friuli Venezia Giulia è stata la regione più colpita, dopo il Veneto, dagli eventi alluvionali”.