FRIULI VG

CHIANDUSSI PRESIDENTE DELL’ANAP FVG: “DAL GOVERNO BRICIOLE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA NEL BILANCIO 2022”

"Ci auguriamo che la Regione Fvg abbia altra attenzione per un tema che sta interessando una fetta sempre più consistente della popolazione"

«Il Governo ha previsto briciole per riformare l’assistenza alla non autosufficienza e alla disabilità nella manovra finanziaria per il 2022. E ciò, nonostante gli impegni che ha assunto con l’Europa e con il Pnrr per procedere a una riforma: in una manovra da 30 miliardi per questa finalità sono stati stanziati 100 milioni. Ci auguriamo che la Regione Fvg abbia altra attenzione per un tema che sta interessando una fetta sempre più consistente della popolazione».

Pierino Chiandussi, presidente dell’Anap Fvg, l’associazione che riunisce più di 11mila artigiani pensionati, interviene così alla vigilia delle discussioni in Consiglio regionale e in Parlamento dei documenti di bilancio per il prossimo anno.

Riferendosi in particolare alle disposizioni nazionali, Chiandussi ricorda che anche Anap Fvg si è fatta parte attiva per chiedere che «l’1%  delle risorse stanziate con la legge di Bilancio – ossia 300 milioni su 30 miliardi – fosse destinato a costruire un rafforzamento stabile dei servizi di assistenza domiciliari erogati dai Comuni. E invece si destina soltanto lo 0,3% del totale delle risorse investite».

Numeri che, secondo Anap Fvg, preoccupano ancora di più in una regione come il Friuli Venezia Giulia, dove la percentuale degli ultra 65enni è già abbondantemente sopra il venti per cento e, come confermato di recente da un rapporto stilato dall’Università di Udine, è destinata da qui al 2030 ad aumentare di 11 punti, sfiorando il 30 per cento degli abitanti. «La domiciliarità, strutture residenziali per anziani di nuova concezione, potenziamento dell’assistenza territoriale, abbattimento delle liste d’attesa sono temi che richiedono nuove e importanti risposte anche in Friuli Venezia Giulia», prosegue Chiandussi che le ha messe tra le priorità dell’agenda sia come presidente regionale Anap che come presidente regionale del Capla, ruolo che ricopre dal settembre scorso. «Ci auguriamo che il Governo ci ripensi e che la Regione possa dare segnali più incoraggianti, anche in virtù delle maggiori risorse che ha riservato per il 2022 al sistema sanitario», conclude Chiandussi.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button