FRIULI VG

CONTARENA: TRIBUNALE DI UDINE ACCOGLIE RICHIESTA DI LIQUIDAZIONE GIUDIZIALE PRESENTATA DA COMUNE E PUBBLICO MINISTERO NEI CONFRONTI DELLA SPRITZ TIME

“Con l’accoglimento, da parte del Tribunale di Udine, della richiesta di liquidazione giudiziale presentata dal Comune di Udine e dal Pubblico Ministero dei confronti della Spritz Time, mettiamo la parola fine una volta per tutte a una vicenda che ha assunto negli anni tratti surreali e ben oltre il limite non solo della legalità ma anche della semplice decenza”. Lo ha dichiarato il Sindaco Pietro Fontanini, commentando la sentenza con cui il Tribunale di Udine ha accolto la richiesta l’apertura della liquidazione giudiziale nei confronti della società concessionaria della gestione del Contarena.

“Il fatto – ha proseguito il Sindaco – che anche il Pubblico Ministero abbia fatto richiesta di istanza di liquidazione giudiziale nei confronti della Società a fronte di un debito verso il Comune di oltre 430mila euro e il fatto che anche piano di rientro presentato dalla Spritz Time sia stato rigettato dallo stesso Tribunale sulla base di vizi formali e sostanziali, dimostra che avevamo visto giusto nel ritenere il nostro interlocutore come inadatto a rimanere sul mercato a causa di una gestione incompatibile nella sostanza con i paletti posti del bando di gara per la gestione del Contarena e di un metodo fatto di continui escamotage per non pagare il dovuto”.

“Alla conclusione di questa lunga battaglia portata avanti dall’Amministrazione contro la Società Spritz Time – ha aggiunto l’Assessore al patrimonio Francesca Laudicina – posso dire che la soddisfazione che provo non è legata al fatto di vedere l’avversario sconfitto, non fa parte del mio carattere, ma alla consapevolezza che abbiamo portato avanti una battaglia legale giusta e senza farci intimidire. Ritengo sia dovere di chi amministra tutelare, e se serve difendere con tutti i mezzi messi a disposizione della Pubblica Amministrazione dalla legge, i beni immobili appartenenti alla comunità dai pericoli rappresentati da gestioni opache o, come in questo caso, palesemente irregolari”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button