Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / GORIZIA: Immigrazione, POSTAZIONI FISSE DELLE FORZE DELL’ORDINE

GORIZIA: Immigrazione, POSTAZIONI FISSE DELLE FORZE DELL’ORDINE

Gorizia, se ancora non fosse chiaro, non ha nessuna intenzione di diventare una città a misura di profugo ma vuole continuare ad essere una città a misura di cittadino. Il capoluogo Isontino, dopo oltre un anno e mezzo dai primi arrivi, continua ad essere l’eldorado per i richiedenti asilo politico, abbiamo visto che addirittura alcuni di loro dopo essere stati trasferiti in altre regioni sono rientrati in città con il treno, forse affezionati dall’indulgenza di quelle poche figure che ancora difendono questo sregolato modo di accogliere.

Questo l’argomentare del capogruppo e consigliere comunale della lista civica “Per Gorizia”, Fabrizio Oreti.

Se non avessimo messo dei “paletti” (l’ordinanza anti-bivacco) non voglio immaginare cosa sarebbe diventata la città visto poi l’atteggiamento irresponsabile di una parte della politica che vorrebbe far diventare Gorizia un campo profughi, tra l’altro, nel centenario della grande guerra con i turisti che visitano il capoluogo Isontino.

Oltre ai vari sgomberi di accampamenti abusivi costruiti dai profughi – evidenzia Oreti – preme dare continuità a questo tipo di attività altrimenti nel giro di un paio di giorni gli spazi pubblici torneranno ad essere ad esclusiva disposizione dei richiedenti asilo politico. Ultimamente la fontana del parco della rimembranza è divenuta una piscina dove lavarsi e asciugare i panni mentre i cespugli sul territorio dei bagni naturali dove espletare bisogni fisiologici.

Per mantenere la città in maniera civile e decorosa – termina Oreti – proporrò al Sindaco di valutare l’importanza di richiedere alla questura ed al comando provinciale dei carabinieri di attivare delle postazioni fisse di polizia e carabinieri nei luoghi “caldi”, presi di mira dai troppi profughi in modo così da scoraggiare il continuo accamparsi e, contestualmente, far rispettare in maniera sistematica l’ordinanza anti bivacco, tutelare la salute e l’igiene pubblica, verificare che tra i richiedenti asilo politico non si nascondano clandestini visti gli interminabili arrivi quotidiani.

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

ABANO TERME (PD) : VISITA DELL’ASSESSORE DE BERTI AL CENTRO CONTROLLO AL TRAFFICO E ASSISTENZA AL VOLO AERONAUTICO

L’Assessore regionale ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti Elisa De Berti ha fatto visita oggi ...

Rispondi