I Comuni ottengono la riapertura degli uffici postali, grande soddisfazione di ANCI FVG

Anci FVG esprime grande soddisfazione perché la battaglia intrapresa a favore dei comuni interessati dalla chiusura degli uffici postali ha dato un primo importante risultato positivo, ovvero la sospensiva da parte del Tar del Lazio della chiusura stessa.

Da sempre in prima linea a fianco dei Comuni, Anci ha riunito in un fronte comune e sostenuto finanziariamente il ricorso legale dei 12 sindaci che si sono rivolti al Tar contro il provvedimento di Poste: Coseano, Dignano, Fagagna, Gemona del Friuli, Maniago, Pavia di Udine, Premariacco, Rive d’Arcano, Ruda, Sequals, Sesto al Reghena, Tolmezzo.

La conferma di procedere alla chiusura, infatti, come evidenziato da Anci nei mesi scorsi, rappresenta una decisione unilaterale di Poste che non ha rispettato l’impegno di convocare un tavolo di confronto concordato proprio tra Poste e Regione e in cui Anci avrebbe dovuto esporre le ragioni e le proposte dei territori coinvolti.

Secondo Anci la sostenibilità dei servizi è un cardine fondamentale per la vita dei territori: “Anci si è subito schierata a fianco dei comuni interessati dalle chiusure – commenta il presidente Mario Pezzetta – gli uffici postali dei piccoli centri dovrebbero diventare centri multiservizi fondamentali per le comunità, punto di riferimento per tutti i cittadini, in particolare gli anziani che hanno difficoltà nell’utilizzo degli strumenti digitali. Anche se bisogna aspettare giugno per il giudizio definitivo, questa sentenza evita un procedimento che contribuirebbe a lasciare sempre più soli i piccoli centri.”