I Film dedicati al gioco d’azzardo che hanno fatto la storia del cinema .

Che cosa c’è di più spettacolare da vedere al cinema di un tavolo verde dove i protagonisti rischiano la propria pelle per una mano di dadi, blackjack o Texas Hold’Em? Il cinema classico hollywoodiano ha sempre raccontato con entusiasmo ascesa e caduta dei gamblers più famosi, che spesso erano interpretati dai miti del cinema come Bogart o Steve McQueen, senza tener conto di tutte quelle pellicole di genere western, dove tra una scazzottata e un duello all’ultimo sangue, nei saloon era immancabile la partita di poker. Non a caso anche in tempi recenti, film come The Ballad of Buster Scruggs, celebrano questo rito della partita di poker, accompagnata da whisky e situazioni ad alta tensione emotiva. Facendo però un passo indietro e dovendo scegliere un film con cui partire, la scelta non può che cadere sul cult interpretato da Rita Hayworth e Glenn Ford, Gilda, dove il tema del gioco è centrale oltre che simbolico, ai fine del progredire della trama. Non è semplice fare una buona selezione delle migliori pellicole sul gioco d’azzardo di tutti i tempi visto che questa tematica ha affascinato grandi cineasti del cinema, da Martin Scorsese a Robert Altman, passando per Barry Levinson, fino ad arrivare ai più attuali casi di Steven Soderbergh o Guy Ritchie. Tornando però alla nostra playlist ideale, un’altra pellicola che entra di diritto nella storia dei film sul gioco d’azzardo più famosi è Casinò Royale, della saga di 007. Non a caso lo scrittore Ian Fleming, fa esordire il suo personaggio più famoso, l’agente segreto britannico James Bond, proprio in una famosa scena al tavolo di gioco, agghindato in smoking e pronto a giocare la sua mano vincente.

Un film molto amato dal pubblico e dalla critica è invece La stangata,con il duo Paul Newman e Robert Redford, diretto dal regista George Roy Hill. Un film sul gioco che riuscì a vincere ben 7 premi Oscar, grazie a un grande lavoro di sceneggiatura abilmente retta da un regista capace e da questa coppa di assi costituita da Newman e Redford. Questo film degli anni settanta, farà da spartiacque, in un’epoca in cui le regole e gli stilemi della Hollywood classica stavano mutando e forse tramontando. Un film che non ebbe grande successo ai botteghini, ma che col tempo assunse i connotati del cult movie, in termini di gioco resta California Poker di Robert Altman, probabilmente uno dei film più innovativi sul tema del gioco d’azzardo mai realizzati. In tempi più recenti sono diventati film di culto anche Rounders (Il giocatore) e Sydney, esordio del regista statunitense P.T. Anderson, a cui bisogna aggiungere la pellicola 21, dedicata al blackjack e al sistema architettato da un docente del M.I.T. il quale assoldando i propri studenti condusse una scalata ai migliori casinò di Las Vegas, con il metodo di conteggio delle carte. Negli ultimi anni invece bisogna annotare il remake del film The Gambler, con Mark Wahlberg protagonista, ispirato a un cult movie degli anni settanta, crudo ed essenziale, una ricognizione a 360 gradi sul fenomeno del gioco e delle bische clandestine. Molly’s Game esordio di Aaron Sorkin dietro la macchina da presa è il film più recente sul tema del gioco d’azzardo, ispirato alle memorie di Molly Bloom, che da atleta fallita divenne una delle più celebri organizzatrici di partite di poker, che coinvolsero attori famosi, politici di grido ed esponenti di spicco della mafia russa. Chiudendo però questa ideale raccolta di film non si può non citare Cincinnati Kid e Posta grossa a Dodge City, la prima interpretata da un grandissimo Steve McQueen, la seconda da un insolito trio dove spicca un sardonico Henry Fonda, assieme a Joanne Woodward e Jason Robards. Due cult movie da non perdere, se siete appassionati delle pellicole dedicate al gioco d’azzardo.