Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / International Jazz Day Palmanova – UNESCO giovani FVG

International Jazz Day Palmanova – UNESCO giovani FVG

Sabato 6 maggio torna, per la seconda edizione, il Palmanova International Jazz Day, organizzato dal Comitato Giovani UNESCO del Friuli Venezia Giulia con il Comune di Palmanova: da mattino a sera si celebrerà, con eventi gratuiti, la Giornata Internazionale del Jazz, proclamata tale nel 2011 dall’UNESCO, come musica in grado di unire persone diverse in tutti gli angoli del pianeta.

La giornata comincerà con una JAZZ MATINÉE di tre concerti nella piazza di Palmanova, dove, dalle 11.00 alle 13.15 note jazz introdurranno il pubblico a questa forma d’arte.
L’evento proseguirà poi alle 15.30 con una novità del 2017: una pedalata lungo le mura della città, che hanno consentito a Palmanova di candidare i bastioni al riconoscimento di Patrimonio UNESCO. Il percorso, di un’ora circa, prenderà avvio dalla zona verde di Via Vallaresso (Porta Cividale) e consentirà di conoscere più da vicino il suggestivo impianto edificato a difesa della città. Per chi non fosse munito di bicicletta, è previsto anche un percorso guidato a piedi alla scoperta del Parco Storico dei Bastioni, con partenza alla medesima ora dalla prima lunetta napoleonica a sinistra di Porta Aquileia.
Alle 17.00, presso i bastioni e la Polveriera Napoleonica di Contrada Garzoni, avrà inizio APERIJAZZ, degustazione vini e concerto, in collaborazione con Euritmica Associazione Culturale e Udin&Jazz, di Lorena Favot&Gaetano Valli duet “Ella & Joe”: un progetto dedicato al duo chitarra e voce più famoso e celebrato della storia del jazz di tutti i tempi, quello composto da Ella Fitzegerald e Joe Pass. In repertorio, i cavalli di battaglia del duo, alcuni dei più conosciuti standard jazz, brani tratti dall’ampio songbook americano fino a sconfinare nei territori della canzone italiana.
A seguire, sempre alla Polveriera Napoleonica di Contrada Garzoni, JAZZ SOIRÉE, introdotta alle 20.00 da una tavola rotonda con le autorità comunali di Palmanova, Dolegna del Collio e Cormons per approfondire la conoscenza del percorso che porta un sito al riconoscimento di Patrimonio UNESCO. Alla tavola rotonda saranno presenti anche rappresentanti dei comuni di Aquileia e Cividale, già patrimonio dell’umanità.
A concludere la giornata, alle 21.00 concerto a cura dei Conservatori della regione. Il Conservatorio di Musica “Giuseppe Tartini” di Trieste si presenta con il trio “Shisha Pangma”, letteralmente la “vetta che sovrasta le pianure erbose”, imponente cima della catena dell’Himalaya. Un territorio sconosciuto tutto da esplorare, lontano dall’abitudine quotidiana, esattamente come l’interazione tra questi musicisti che si impegnano a rompere le consuetudini del trio, cercando di trasportare chi ascolta in paesaggi quasi extraterrestri con chitarra elettrica, effetti, sassofono e percussioni. Omaggerà il jazz anche il quartetto “Emanuele Filippi Quartet” del Conservatorio di Musica “Jacopo Tomadini” di Udine con il contributo del Circolo Culturale Controtempo.

L’evento è organizzato con il contributo di Euritmica e Controtempo, Accademia Musicale Città di Palmanova, Associazione “Palmanova Città da Vivere – Centro Commerciale Naturale”, Associazione Pro Palma, patrocinato da FVG Live e realizzato in collaborazione con il Comune di Dolegna del Collio, Comune di Cormons, Associazione BastioniBike, Associazione Amici dei Bastioni, Conservatori di musica “Giuseppe Tartini” di Trieste e “Jacopo Tomadini” di Udine.
Palmanova International Jazz Day si inserisce nell’ambito del cartellone di concerti e iniziative in programma in tutte le regioni d’Italia per la Giornata Internazionale del Jazz 2017. Numerosi gli appuntamenti promossi dal Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO: oltre 20 eventi, tra spettacoli e concerti, in ogni regione d’Italia.

La celebrazione della Giornata Internazionale del Jazz sarà occasione per rilanciare la campagna di UNESCO Parigi #UNITE4HERITAGE, promossa in Italia da UNESCO Giovani già in occasione dell’Assemblea Nazionale di Napoli 2017. Il Jazz è una musica corale e collettiva, linguaggio universale che si esprime in forma libera rispettando le diversità e le ricchezze altrui. È, dunque, uno strumento di cooperazione tra i popoli perché favorisce l’interculturalità e promuove il rispetto della diversità e delle diverse tradizioni, scopi principali della campagna. Per questo motivo, la giornata nazionale sarà denominata #JAZZ4HERITAGE e tutti gli eventi regionali cadranno sotto tale ombrello. Al fine di favorire una cultura musicale sinergica su tutto il territorio nazionale collaboreremo con l’associazione nazionale I-JAZZ, da anni attiva in Italia per la valorizzazione di questo genere musicale.

Gli eventi sono organizzati in partnership con I-Jazz.
Parte delle donazioni ricevute durante gli eventi saranno devolute al progetto BOX3:36am che sostiene le popolazioni del centro Italia colpite dal terremoto.
UNESCO GIOVANI – Oltre trecento giovani tra i 20 e i 35 anni, fra cui studenti, ricercatori, artisti, professionisti, manager e imprenditori: sono l’anima del Comitato giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, nato con l’obiettivo di supportare le attività della Commissione nel campo dell’educazione, della scienza, della cultura e della comunicazione, e suddiviso in Comitati regionali.
L’evento verrà seguito sui social con gli hashtag #jazzday #unescogiovani #jazz4heritage.

 

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

Crollo Ponte Morandi: morti Axelle, Melissa, Nathan e William, ventenni francesi diretti in Sardegna

Axelle Place, Melissa Artus-Bastit e Nathan Gusman, William Pouzadoux. Ci sono anche questi quattro ragazzi ...

Rispondi