Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Cronaca / JESOLO – IL PRESIDENTE DI JESOLO TURISMO SPA INTERVIENE SULLO STATO DI AGITAZIONE DEGLI ADDETTI AL SALVATAGGIO DELLA SOCIETA’

JESOLO – IL PRESIDENTE DI JESOLO TURISMO SPA INTERVIENE SULLO STATO DI AGITAZIONE DEGLI ADDETTI AL SALVATAGGIO DELLA SOCIETA’

“La politica della società è di garantire l’efficienza economica, in ogni nostro settore, e contemporaneamente tutelare tutti i lavoratori, con una programmazione in grado di seguire le esigenze del mercato”. Così Luca Boccato, presidente di Jesolo Turismo Spa, interviene in merito allo stato di agitazione proclamato dai sindacati. “L’azienda, che non ha fini sociali – continua Boccato – in considerazione della sua forma societaria (è una Società per azioni), intende agire per tenere in equilibrio ciascuno dei rami d’azienda. Va ricordato che gli stabilimenti balneari e il servizio di salvataggio, nel 2013 hanno prodotto una perdita, complessivamente, di oltre 200mila euro; l’80% dei costi è rappresentato dalla voce “personale”. Se consideriamo il fatto che entrambi i settori hanno periodi di apertura di 4/5 mesi, si comprende come la situazione non sia compatibile con l’impostazione attuale che costringe a dovere assumere un numero fisso di lavoratori, con periodi molto più lunghi”. Ad oggi vige una pianta organica sulla base di accordi dei primi anni ottanta, che prevede 16 lavoratori obbligatoriamente assunti per 7 mesi e 18 giorni e poco più di 60 lavoratori assunti per 6 mesi ed 1 giorno.

 

“In considerazione di quanto premesso, abbiamo proposto una riduzione del periodo di lavoro (solo per i 16 lavoratori, il cui contratto sarebbe equiparato agli altri 60), ma a parità sostanziale di salario. Quindi introducendo una sorta di “premio di produttività”, che consente di percepire un aumento del salario (per i 60 lavoratori), con dei premi che arriverebbero a quasi 500 euro lordi (al raggiungimento degli obiettivi)”.

Ma la proposta è stata rifiutata dai sindacati. “Senza la disponibilità dei sindacati la trattativa si è interrotta e la società, poiché rispetta i contratti, ha già intenzione di rispettare l’attuale accordo fino al suo termine”. Jesolo Turismo Spa, lascia aperte le porte del dialogo. “Siamo sempre disposti ad un confronto e dialogo, anche pubblico, purché privo di pregiudizi e dogmatismi e aperto ad un cambiamento che porti efficienza e che sia coerente con il momento difficile che viviamo. Vogliamo certamente scongiurare lo sciopero – conclude il presidente Boccato – ma riteniamo giusto tranquillizzare turisti e operatori che, per legge, un servizio minimo sarà comunque garantito”.

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

PADOVA : IL PRESIDENTE BOSCHETTO E LA CONFARTIGIANATO A MILANO IL PROSSIMO 13 DICEMBRE PARTECIPA ALLA MANIFESTAZIONE “Quelli del sì”

Anche la CONFARTIGIANATO DI PADOVA appoggerà  la mobilitazione generale promossa da Confartigianato Nazionale che vuole ...

Rispondi