Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Jesolo, stagione positiva per gli albergatori

Jesolo, stagione positiva per gli albergatori

Più 2,7%. Basta questo numero per riassumere l’andamento della stagione 2016 per il comparto alberghiero e che dà ragione a quanto il presidente Aja, Alessandro Rizzante, andava sostenendo da sempre ovvero che le previsioni erano tali da poter registrare una copertura anche della perdita del giugno (che si era volatilizzato, alla pari di maggio, senza entusiasmo a causa del maltempo). Oggi, nel corso dell’Assemblea dei soci, Rizzante ha dunque fatto il punto della stagione 2016 sulla base dei dati rilevati dall’H-Benchmark.
Innanzitutto il mese di settembre: dopo l’ottimo andamento dei primi 11 giorni, con un aumento dell’occupazione che ha sfiorato il 10%, c’era curiosità di vedere la tenuta anche nei giorni successivi. Ebbene, al 27 settembre si è registrato un aumento complessivo, tra tre e quattro stelle, pari all’8,9%. I dati che comprendono tutto l’arco della stagione, ovvero da maggio al settembre, registrano un aumento medio del 2,7% (che corrisponde a circa 100mila presenze in più) dell’occupazione nelle strutture alberghiere, con l’1,8% per le strutture a tre stelle e il 3,5% per quelle a quattro stelle. “Il dato è doppiamente positivo – interviene ancora il presidente Aja – perché a fianco del recupero delle presenze, comunque importante, si è verificato anche un aumento del fatturato, frutto dei segni positivi ottenuti anche a luglio e agosto, ovvero in periodi di alta e altissima stagione”.
Si ricordano i dati di luglio: 5,2% in più di occupazione; gli hotel a 3 stelle hanno fatto registrare un aumento del 5,5% ed i 4 stelle un più 4,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
I dati di agosto: un aumento dell’occupazione pari al 2,5% (1,9% negli alberghi a 3 stelle e più 3,9% negli alberghi a 4 stelle) ed un’occupazione media mensile del 92,71%.
“Il tempo gioca, naturalmente, un ruolo fondamentale per l’andamento di una stagione, ma non è l’unico. A fianco, infatti, per garantire un ritorno (ed un aumento) dei turisti, c’è la necessità di fornire un’ottima ricettività e professionalità degli imprenditori, quindi servizi in spiaggia ed in città, non ultimo anche grandi eventi. Tutti elementi che Jesolo riesce a garantire”.

Nel corso dell’assemblea si è entrati anche in merito alla cosiddetta “Direttiva Bolkestein”, per le concessioni demaniali, che sta già vedendo Aja, da mesi, impegnata in prima persona.
Nelle scorse settimana Rizzante aveva sollecitato Federalberghi nazionale affinchè intervenisse per tutelare il “modello Jesolo”, che prevede un tipo di accoglienza con la garanzia di tutta una serie di servizi in spiaggia già inclusi nel prezzo.
Quindi era stato costituito, al proprio interno, un gruppo di lavoro (coordinato da Amorino De Zotti, consigliere Aja e vice presidente Federconsorzi) per individuare un percorso che porti la città ad essere pronta alla gara per l’assegnazione delle future concessioni demaniali.
“E l’unico modo per avere successo – interviene Rizzante – è presentarsi a questo appuntamento come soggetto unico, con una forma giuridica che sarà individuata da Federconsorzi tra quelle ritenute più efficaci”. E’ stata, dunque, votata all’unanimità del consiglio Aja, proprio questa scelta del soggetto unico. Un indirizzo preciso che rafforzerà l’azione che sta portando avanti Federconsorzi, che proprio oggi si riunirà su questo argomento. “La scelta è di lavorare in maniera sinergica, anche con l’amministrazione comunale – conclude Rizzante – al fine di ottenere il massimo risultato, nell’interesse della località”.

 

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

PADOVA : Il cane antidroga Rusty della Polizia Locale scova un nascondiglio con la droga pronta allo spaccio in zona stazione

L’utilizzo dei cani antidroga è particolarmente temuto dagli spacciatori perché gli animali addestrati sono in ...

Rispondi