Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Sport / JESOLO – TUTTO PRONTO ALLA “PISTA AZZURRA” PER I MONDIALI DI SUPERMOTO

JESOLO – TUTTO PRONTO ALLA “PISTA AZZURRA” PER I MONDIALI DI SUPERMOTO

Sarà la gara più importante che si disputi in Italia in questo weekend e, dopo la spettacolare

prova di domenica 31 agosto in Estonia, quella di sabato 13 e domenica 14 settembre per

i piloti della Supermoto che si ritroveranno per la settima e ultima prova del FIM World

Championship, sarà anche quella decisiva di questo 2014.

Gli organizzatori veneti apriranno i cancelli della Pista Azzurra, di via Roma Destra, a Jesolo,

per la gara più attesa, un palcoscenico d’eccezione per terminare nel modo più degno un

campionato che ha appassionato non poco tutti gli amanti di questa specialità motociclistica e

che assegnerà finalmente il titolo mondiale ed europeo. In classe S1GP la graduatoria, dopo la

precedente prova, vede ora di nuovo al comando l’ex iridato francese Thomas Chareyre (TM

Racing Factory) avendo vinto la gara estone e quindi riacciuffato la leadership in campionato,

ai danni del campione uscente il finlandese Mauno Hermunen (Team SHR-TM) sfortunato nella

seconda manche della gara di fine agosto.

Thomas Chareyre 2 300x200 JESOLO   TUTTO PRONTO ALLA “PISTA AZZURRA” PER I MONDIALI DI SUPERMOTO

Dopo sei round siamo arrivati all’atto conclusivo di questa stagione 2014, stagione che

ha visto vincere tre piloti diversi e mai più di due GP consecutivi. Il mondiale sarà deciso

all’ultima gara, Thomas Chareyre e Mauno Hermunen si giocano rispettivamente il terzo e il

secondo titolo della carriera in condizioni apparentemente differenti. Il francese arriva con una

carica pazzesca, forte di una moto TM al massimo della competitività, di uno stato di forma

impressionante e soprattutto con un gap di 14 punti su Hermunen. Per il finlandese iridato in

carica in forza al Team SHR, la trasferta veneta sarà più difficile dovendo contare molto anche

sulla fortuna oltre che sulla sua bravura ed evitare di cadere, al contrario di quanto accaduto

nell’ultima prova estone dove anche a causa di una scivolata ha perso la leadership oltre

che il GP, allontanandosi così dalla riconferma iridata. Dalla sua, tuttavia, ha un’altrettanta

determinazione e una moto stratosferica sempre lì ad assecondare le sue mosse.

 

 

A contendere matematicamente l’alloro mondiale anche un italiano, il pesarese Ivan Lazzarini

che in sella alla Honda del Team L30 Racing, sarà sicuramente il pilota più acclamato dal

pubblico locale per sostenerlo nella pur difficile impresa di rosicchiare 22 punti al secondo in

classifica Hermunen e 36 dal leader Chareyre. Il marchigiano non è nuovo ad exploit su questa

pista avendo già vinto nel 2004 uno degli 11 titoli tricolori conquistati sino ad oggi, e la sua

progressione in campionato, dove vanta anche l’affermazione nel precedente GP di casa vinto

a Castelletto di Branduzzo lo scorso 19 luglio, lo pone come uno dei tre probabili vincitori di

questa tappa mondiale.

L’altro transalpino ex iridato Adrien Chareyre (Aprilia Fast Wheels Team) è attualmente quarto

in campionato, ma il suo inseguitore Pavel Kejmar (CZE-Husqvarna 833 Racing Team) pur

essendo in ascesa si ritrova a dover fare i conti con un distacco di 37 punti. Sesto posto per il

poliziotto bolognese Christian Ravaglia (Honda Racing Assomotor) che anticipa nell’ordine

della top ten il bulgaro Angel Karanyotov (TM Team Bulgaria), i Cechi Tomas Travnicek

(Yamaha) e Petr Vorlicek (Honda SHR) e l’azzurro Andrea Occhini (Suzuki BRT), che precede

di due lunghezze il piacentino ex campione europeo Edgardo Borella (Yamaha).

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

IMPIANTI RISALITA MALGA CIAPELA (BL). ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO: “LA LEGGE STATALE VA CAMBIATA”

“Per quanto riguarda gli impianti di risalita di Malga Ciapela, il problema è essenzialmente quello ...

Rispondi