Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Eventi / TRA MITO E GRANDI MONTAGNE, UFFICIALE IL PERCORSO DELLA D+ ULTRACYCLING DOLOMITICA

TRA MITO E GRANDI MONTAGNE, UFFICIALE IL PERCORSO DELLA D+ ULTRACYCLING DOLOMITICA

Sedici passi e 16 mila metri di dislivello complessivo da affrontare in una corsa che si snoderà per 606 chilometri fra Veneto, Trentino-Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia. Gli organizzatori: “Come il ciclismo dei pionieri”. Appuntamento al 4 settembre, partenza da Cordignano    

Treviso, 3 giugno 2015 – E’ il ciclismo delle lunghe distanze e delle grandi pendenze. A tre mesi esatti dall’evento del 4 settembre, la D+ Ultracycling Dolomitica è pronta ad ufficializzare il percorso su cui pedaleranno gli eroi di quella che è considerata la corsa ciclistica più dura al mondo.

I numeri, innanzitutto: 606 chilometri di lunghezza attraverso Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige, oltre 16 mila metri di dislivello complessivo, 16 passi montani e dolomitici da scalare. Un’impresa epica, incorniciata dalle montagne più belle del mondo.

Riscopriremo lo spirito del ciclismo antico – spiega Giorgio Bosi, dell’Asd Nova Virtus, società organizzatrice della D+ Ultracycling Dolomitica -. Lunghe distanze, grandi pendenze, lunghe durate, grandi distacchi: agli inizi del ’900 si correva così. I ciclisti pedalavano su strade bianche, aperte al traffico. Partivano la mattina e arrivano a tarda notte dopo aver percorso centinaia di chilometri ed essersi fermati a mangiare nelle case e nelle trattorie che trovavano lungo il percorso ”.

Era anche il ciclismo di Vito Favero, il grande atleta trevigiano dei tempi eroici (secondo al Tour de France del 1958 e vincitore di due tappe al Giro d’Italia), a cui la D+ Ultracycling Dolomitica è dedicata, e nel cui nome si pedalerà il prossimo 4 settembre, con partenza da Cordignano, nel Trevigiano. “Il significato della D+ Ultracycling Dolomitica è anche questo – continua Bosi -. Ricordare il periodo romantico del ciclismo, quando l’atleta era un uomo e la bici solo uno strumento, perché contavano molto di più il carattere e la personalità”.

Carattere e personalità saranno anche gli ingredienti essenziali per vincere la sfida con le difficoltà proposte dalla D+ Ultracycling Dolomitica. Quella che lo stesso Favero, incontrato dagli organizzatori della D+ Ultracycling Dolomitica, poco prima della sua scomparsa, avvenuta a maggio del 2014, definì “una corsa da spavento”.

Passando dal Veneto al Trentino-Alto Adige, al Friuli-Venezia Giulia, gli eroi della D+ Ultracycling Dolomitica pedaleranno attraverso sei province e 76 Comuni. Dei 606 km dell’Ultracycling Dolomitica, 379 sono in Veneto (92 in provincia di Treviso, 9 in provincia di Vicenza, 278 in provincia di Belluno), 207 in Trentino-Alto Adige (187 in provincia di Trento e 20 in provincia di Bolzano) e 20 in Friuli-Venezia Giulia (tutti in provincia di Pordenone).

E poi, nel tracciato ufficiale della D+ Ultracycling Dolomitica, allungato di 18 chilometri rispetto all’edizione inaugurale del 2014, ci sono i sedici temutissimi passi, sedici grande fatiche.

Si parte dal Combai-Madean-Pianezze (15,6 km, con pendenza media del 6,9%). Seguiranno il Monte Tomba Monte Grappa (21 km, 6,2%), il Passo Gobbera (5,7 km, 4,9%), il Passo Brocon (44,6 km, 2,7%), il Passo Manghen (23,3 km, 7,1%), il Passo San Pellegrino (13,2 km, 5,5%), il Passo Fedaia–iVIVIiTALY (16,4 km, 6,5%), il Passo Pordoi-Nova Ditex (12 km, 6,8%), il Passo Campolongo (4,5 km, 6%), il Passo Valparola–PowerBar (13,6 km, 5,8%), il Passo Giau-Air Dolomiti (8,6 km, 7,3%), il Passo Staulanza (7,7 km, 4,6%), il Passo Duran (8,9 km, 7,8%), Forcella Aurine (13,3 km, 5,9%), l’Alpe del Nevegal (10,3 km, 6,5%) e il Passo La Crosetta-Neiko (24,7 km, 2,1%).

La D+ Ultracycling Dolomitica sarà valida come seconda e ultima prova del Campionato Nazionale UIC, sotto l’egida di Acsi Italia, e come qualificazione alla Race Across America, la manifestazione di ultracycling più famosa degli Stati Uniti. Previste anche classifiche per team formati da due e da quattro persone che potranno alternarsi lungo il percorso. Sfida sì, ma – in questo caso – senza esagerare.

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

ABANO TERME (PD) : VISITA DELL’ASSESSORE DE BERTI AL CENTRO CONTROLLO AL TRAFFICO E ASSISTENZA AL VOLO AERONAUTICO

L’Assessore regionale ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti Elisa De Berti ha fatto visita oggi ...

Rispondi