Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Cronaca / MUSILE DI PIAVE – PERDE ALLE SLOT E NON FA CHIUDERE IL LOCALE

MUSILE DI PIAVE – PERDE ALLE SLOT E NON FA CHIUDERE IL LOCALE

Perde alle slot e non fa chiudere il locale, 39enne finisce nei guai I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Donà di Piave hanno arrestato  Hicham EL ALAMI TALBI, un marocchino di 39 anni residente a Musile di Piave, denunciando in stato di libertà L.S., una donna  venezuelana 19enne, residente a Torre di Mosto, che si trovava con lui. Tutto è iniziato verso le tre di mattina, quando il proprietario del bar “Paparazzi” di Musile di Piave ha chiamato il 112, segnalando che nel suo locale vi era uno straniero che continuava a giocare alle slot machine e non voleva andarsene senza avere prima recuperato il denaro che aveva perduto, impedendo la chiusura del pubblico esercizio. Immediato l’ arrivo della pattuglia del Nucleo Radiomobile, con i carabinieri che attraverso il barista hanno trovato la ragazza intenta a entrare e uscire nel locale,  in compagnia del marocchino, sempre impegnato a giocare. La donna, appena visti i militari, è fuggita rinchiudendosi all’interno dell’autovettura, aprendo un finestrino per iniziare, senza alcuna ragione, a insultare pesantemente i militari che le stavano chiedendo di esibire un documento per poterla identificare. In quel frangente è uscito dal bar l’uomo che stava giocando con le slot machine il quale, come una furia, ha iniziato a insultare i militari sferrando un pugno al volto ad uno degli stessi. Immediatamente immobilizzato, è stato condotto negli uffici di via Carbonera dove è stato arrestato per i reati di resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale, nonché per il reato di lesioni personali volontarie. Lo straniero è stato sottoposto anche a una perquisizione personale che ha consentito di rinvenire poco meno di un grammo di hashish. Lo stupefacente è stato sequestrato e il marocchino verrà segnalato quale consumatore alla Prefettura di Venezia. La donna, invece, è stata denunciata in stato di libertà per i reati di oltraggio a Pubblico Ufficiale e per il rifiuto di fornire indicazioni sulle proprie generalità. Hicham EL ALAMI TALBI è rimasto ospite delle camere di sicurezza della compagnia di San Donà fino alla mattinata odierna, quando il Pubblico Ministero, informato degli eventi, ha fissato l’udienza, con la procedura del rito direttissimo, nelle aule del Tribunale di Venezia. Nella circostanza il Giudice ha convalidato l’arresto fissando una successiva udienza per il 17 ottobre prossimo.

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

CAVARZERE (VE ) : LITE AL BAR , IN PREDA AI FUMI DELL’ ALCOL UN 58 ENNE ACCUSATO DI OMICIDIO DI UN ANZIANO 72 ENNE.

Un uomo di 58 anni è stato denunciato dai carabinieri con l’accusa di omicidio preterintenzionale ...

Rispondi