Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Cronaca / PADOVA: ALL’EUGANEO IL PADOVA PERDE PER 0-1 E SI FA RAGGIUNGERE DAL CARPI .

PADOVA: ALL’EUGANEO IL PADOVA PERDE PER 0-1 E SI FA RAGGIUNGERE DAL CARPI .

Foscarini, che deve fare a meno dell’influenzato Trevisan e dell’infortunato Broh, conferma il 4-3-1-2, con Minesso dietro alle punte Bonazzoli  e Capello. Castori risponde con il 4-4-1-1, con Mokulu terminale offensivo. Dopo soli  quattro minuti di gioco, Foscarini è costretto a togliere Contessa, non al meglio per problemi muscolari, e inserire al suo posto Ravanelli. Le squadre tendono a controllarsi a vicenda poi, al 15’, Pulzetti prova a sorprendere il portiere carpigiano Colombi con un tiro a giro, ma il pallone si spegne a lato. Il Padova crea qualche scompiglio in area emiliana, soprattutto con i cross da destra,  ma gli uomini di Castori riescono a pulire l’area. Al 27’ arriva la risposta del Carpi: l’ex Jelenic crossa da destra e in corsa Pasciuti calcia alto dai sedici metri . Al 32’ il Padova torna a rendersi insidioso, con una girata di testa di Capello di poco sul fondo. Un minuto dopo, Pasciuti su punizione serve un pallone filtrante in area per Concas, il quale gira alto sulla traversa padovana. Il Carpi passa in vantaggio al 35’: Concas imbuca un pallone in area per Jelenic il quale, da posizione defilata sulla destra, supera Perisan, con il portiere padovano che si lascia sfuggire il pallone sotto al corpo. Il Padova prova a reagire e al 38’, dopo un rimpallo favorevole in area, Bonazzoli tira rasoterra sul fondo alla sinistra di Colombi. Al 44’ ancora Jelenic effettua da sinistra un cross pericoloso in area padovana, con Concas e Mokulu che sfiorano l’impatto con il pallone. Il primo tempo si chiude con il Carpi in avanti di una rete. A inizio ripresa, il Padova prova ad attaccare, ma la manovra biancoscudata stenta a decollare. Al 63’ il Carpi si rende insidioso in rapida ripartenza, con Concas che calcia di poco sul fondo. Due minuti dopo è il difensore padovano Ceccaroni, in proiezione offensiva, a tirare rasoterra e a sfiorare il palo alla destra di Colombi. Foscarini toglie Ravanelli e inserisce Vogliacco, al suo esordio, mentre Castori getta nella mischia Di Noia e Vano al posto di Piscitella e Mokulu, in debito di ossigeno. Il Padova si spinge ancora in avanti e al 71’ Colombi respinge sul secondo palo una punizione dai venti metri di Minesso. A questo punto Foscarini si gioca anche la carta Clemenza al posto di Minesso. Castori replica con Pezzi in sostituzione di Pasciuti. Il Padova s’innervosisce e al minuto 87 rmane in dieci per l’espulsione comminata a Cappello per proteste. I biancoscudati si gettano in avanti con la forza della disperazione e al secondo dei quattro minuti di recupero decretati dall’arbitro Rapuano, Zambataro effettua un tiro-cross di poco a lato alla destra di Colombi. Finisce 1-0 per il Carpi e qualche fischio si leva all’indirizzo dei biancoscudati. Il Padova rimane nei bassifondi della classifica con 11 punti, avvicinato a 10 dagli stessi carpigiani.

Simone Francescon

Ecco quello che Mister Claudio Foscarini ha dichiarato in sala stampa dopo la sconfitta casalinga della squadra : “Un passo indietro nel risultato, ma non sono catastrofico. Ho una strada che sto delineando, ci saranno partite che vengono bene, altre che vengono male. Non sarà un risultato negativo che cambierà la mia idea, come non lo era uno positivo 15 giorni fa. Ho visto una squadra generosa, ma fare un solo tiro in porta è troppo poco. Abbiamo fatto la prestazione che dovevamo fare, con tutte le difficoltà del caso. Non siamo stati sempre bravi a muovere la palla coi tempi giusti, loro erano molto compatti e ci hanno puniti per un nostro errore. È davanti che non abbiamo inciso, perché abbiamo fatto solo un tiro in porta e siamo stati ingenui in molte occasioni. Dobbiamo crescere, ma presto perché c’è necessità di fare punti. Il mercato di gennaio? Onestamente al momento non me ne frega niente, devo prima pensare alle partite che ci aspettano fino a gennaio. Oggi non è mancato il regista, ma dovevamo essere più veloci nella costruzione del gioco… Davanti dobbiamo sparare delle cannonate vere, non sparare a salve. Contessa? Mi ha detto che stava bene, perderlo dopo quattro minuti è stata una mazzata, il riscaldamento lo aveva fatto bene, qualcosa abbiamo sbagliato. Ravanelli ha preso un pestone. Capello? Ha sbagliato, aveva ragione nel richiedere il corner, tre corner sono stati invertiti, però indipendentemente ha sbagliato, queste reazioni sono sbagliate indipendentemente dall’aver ragione o meno e pagherà”.

Luca Belingheri al termine di Padova-Carpi ha detto :  “Non cerchiamo scuse, sapevamo di trovare una squadra rognosa ma non siamo stati concreti in area, e ci dispiace non aver dato continuità alla vittoria di Ascoli. Era difficile imbucarli, dispiace perché era una partita importante e non siamo riusciti a portare a casa punti. Abbiamo sbagliato anche qualche passaggio di troppo… Avevo sempre Concas attaccato, ho cercato di fare del mio meglio ma non è bastato”.

Simone Francescon

Articolo di Redazione Padova

Leggi anche...

PADOVA: IN POCHI GIORNI RACCOLTE 700 FIRME CONTRO LA FATTURAZIONE ELETTRONICA COME E’ STATA PROPOSTA DALL’ATTUALE GOVERNO .

In pochi giorni i circoli cittadini  di Fratelli d’Italia di Padova hanno già raccolto oltre ...

Rispondi