PADOVA : Da domani  16 ottobre si passa alla fase di ALLERTA ARANCIO. Il nuovo aggiornamento della situazione è previsto per il 18 ottobre. Con il livello di allerta ARANCIO

Città chiusa al traffico auto 20-09-09

Ecco  l’amaro bollettino ufficiale emesso oggi , lunedì 15 ottobre, dall’Arpav  che conferma  gli sforamenti del limite della concentrazione di PM10 e , quindi ,  da domani  16 ottobre si passa alla fase di allerta ARANCIO. Il nuovo aggiornamento della situazione è previsto per il 18 ottobre.

Con il livello di allerta ARANCIO

È vietata la circolazione di:

  • veicoli (privati e commerciali) alimentati a benzina Euro 0 e Euro 1,
  • veicoli (privati e commerciali) alimentati a diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3, veicoli privati alimentati a diesel Euro 4,
  • motoveicoli e ciclomotori a 2 tempi immatricolati prima dell’01/01/2000 o non omologati ai sensi della direttiva 97/24/CE.

Le limitazioni vengono applicate da lunedì a domenica dalle 8:30 alle 18:30.

Inoltre è vietata la sosta con motore acceso per tutti i veicoli.

Per conoscere la classe del proprio veicolo consultare la carta di circolazione (letta V9, riquadro 2).

Le limitazioni sono valide su tutto il territorio comunale a eccezione delle tangenziali, della zona industriale e di alcune strade a grande percorrenza.

Tutti i dettagli delle limitazioni e delle deroghe: http://www.padovanet.it/informazione/limitazioni-del-traffico-20182019

Inoltre è prevista la limitazione della temperatura degli ambienti, che non deve superare i 19 gradi (con tolleranza di 2° C) nelle abitazioni e negli esercizi commerciali, ad esclusione delle eventuali deroghe previste in ordinanza.

In particolare è previsto

  • il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici (caldaie, stufe, caminetti…) alimentati a biomassa legnosa (legna, cippato, pellet…) inferiori alla classe 3 stelle (classificazione ai sensi del Decreto n. 186 del 07/11/2017), in presenza di impianto di riscaldamento alternativo. Per conoscere la classe di appartenenza del generatore a biomassa legnosa contattare il proprio installatore.