Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Senza categoria / PADOVA: TRUFFE AGLI ANZIANI. I CARABINIERI INDAGANO SU ALTRI DUE CASI VERIFICATISI NELLA GIORNATA DI IERI.

PADOVA: TRUFFE AGLI ANZIANI. I CARABINIERI INDAGANO SU ALTRI DUE CASI VERIFICATISI NELLA GIORNATA DI IERI.

La fantasia dei truffatori, purtroppo, non conosce limiti e i Carabinieri si prodigano per prevenirle e per smascherarne gli autori. Nella giornata di ieri si sono verificati due episodi, uno in città, a Padova, e uno in provincia di Padova a Conselve  , che hanno evidenziato un nuovo modo di agire di questo soggetti senza scrupoli e pronti ad approfittarsi della buona fede delle persone anziane, sottraendo nelle abitazione tutto ciò che possa esserci di valore.

Il primo episodio ai danni di una donna di 87anni, che abita in  Via della Valle a  Padova, risale alla tarda mattinata. Alla porta di casa le hanno suonato due donne che, con il pretesto di porgerle le condoglianze per la recente scomparsa del marito, dopo averla distratta, sono riuscite ad asportarle due anelli ed un paio di orecchini in oro, allontanandosi subito dopo senza che la vittima si sia accorta subito della mancanza dei gioielli. Solo dopo si è resa conto del furto subito e ha denunciato il fatto a una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Padova, che ora sta svolgendo le opportune indagini per dare un nome alle due donne.

Il secondo episodio riguarda, invece, un uomo di Conselve ( PD )  di 82 anni, che ieri pomeriggio ha ricevuto la visita di altrettante donne qualificatesi come infermiere inviate dall’ ULSS. Conquistata la fiducia dell’anziano, poco ci è voluto a una della due per farsi un giro dell’appartamento e impossessarsi della somma di mille euro. Anche in questo caso le due donne, ben descritte dall’anziano, si sono allontanate, a piedi, facendo perdere le tracce. I militari della locale stazione stanno esaminando tutte le immagini delle telecamere di videosorveglianza comunali e private, fiduciosi di riuscire a  identificare le due autrici.

Restano, comunque, sempre validi e attuali i consigli già forniti in precedenti occasioni. Non vanno mai fatte entrare in casa persone sconosciute che non si stiano aspettando, siano esse fornitrici di servizi, venditori, avvocati o fantomatiche forze dell’ordine. Una telefonata di controllo all’Ente che questi individui dicono di rappresentare deve essere sempre fatta o, semplicemente, possono essere informati i Carabinieri al numero di pronto intervento 112, che provvederanno a svolgere l’accertamento e a inviare sul luogo segnalato del personale per appurare la veridicità di quanto da questi soggetti asserito.

Articolo di Redazione Padova

Leggi anche...

VICENZA : RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO dal Coordinamento Iris – Centri Antiviolenza del VENETO

Renzo Rosso sembra avere le idee confuse. Qualche mese fa, in barba a tutte le ...

Rispondi