Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Cronaca / PIOMBINO DESE (PD) : EMOZIONANTE CERIMONIA PER LA CONSEGNA DELLA CITTADINANZA ONORARIA AL LUOGOTENENTE CARICA SPECIALE GIUSEPPE MARASCHIO.

PIOMBINO DESE (PD) : EMOZIONANTE CERIMONIA PER LA CONSEGNA DELLA CITTADINANZA ONORARIA AL LUOGOTENENTE CARICA SPECIALE GIUSEPPE MARASCHIO.

 Durante una emozionante cerimonia che si è svolta ieri nella sala “S. Tommaso Moro”  di Piombino Dese, il Sindaco Cesare MASON con il Sindaco di Loreggia e presidente della Provincia di Padova  Fabio BUI, hanno conferito la cittadinanza onoraria dei rispettivi Comuni al Luogotenente Carica Speciale Giuseppe MARASCHIO, Comandante della Stazione Carabinieri di Piombino Dese dal 9 luglio 1990, ormai prossimo a lasciare il servizio militare attivo, dopo avere dedicato 28 anni della propria vita professionale a favore delle due comunità, sempre al servizio della gente,  e dell’Istituzione, a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Analogo autorevole riconoscimento è stato, negli anni, conferito ad illustri rappresentati del mondo culturale, religioso, lavorativo e militare, tra cui il Cav. Del Lavoro Sergio STEVANATO, il Prof. Lionello PUPPI, docente emerito dell’università “Cà Foscari” e scrittore, Mons. Antonio SOZZO, Arcivescovo e Nunzio Appostolico in Marocco, nonché il Maresciallo Maggiore Aiutante Giovanni GALLO, già comandante della Stazione Carabinieri di Piombino Dese.

La cerimonia, alla quale hanno partecipato anche l’Assessore Regionale Roberto Marcato, il Generale di Corpo d’Armata Amedeo SPEROTTO, comandante del Comfop Nord dell’Esercito di Padova , il Procuratore della Repubblica di Vicenza, Antonino CAPELLERI, il Comandante della Compagnia Carabinieri di Cittadella, Maggiore Giuseppe SACCOMANNNO, Don Giorgio, parroco di Piombino Dese e Don Leone, parroco di Loreggia,   è stata accompagnata dalle note e dai canti degli allievi dell’Istituto Comprensivo Statale di Piombino Dese, diretti ed accompagnati al pianoforte dal Prof. Fabrizio MASON, che hanno eseguito, oltre che l’Inno Nazionale, anche la Leggenda del Piave, la Tradotta e l’Inno alla Virgo Fidelis, patrona dell’Arma dei Carabinieri.

Il Luogotenente MARASCHIO ha vissuto senza dubbio momenti di profonda emozione nel trovarsi in mezzo ai giovani e in mezzo al folto numero di cittadini che hanno partecipato alla cerimonia e al conferimento della cittadinanza onoraria dei due comuni, che costituisce non solo un prestigioso riconoscimento, ma una manifestazione di benevolenza verso tutta l’Arma dei Carabinieri da parte delle Amministrazioni Comunali e di tutti i cittadini con i quali il Luogotenente MARASCHIO ha stabilito un forte legame ed affetto.

I due sindaci hanno espresso parole di ringraziamento e riconoscenza nei confronti del loro Comandante di Stazione, definito uomo, istituzione ed esempio di come leggi e rigore possano essere coniugati con bontà, semplicità, generosità e rispetto delle persone, perché dietro ogni persona o famiglia si può nascondere un dramma che richiede di essere trattato con tatto e umanità. Il Luogotenente MARASCHIO è stato, inoltre, definito come punto di riferimento sicuro per tutta la comunità locale, al quale fare capo non solo per questioni legate ad aspetti giuridici, ma anche per un semplice consiglio o una confidenza o una parola di conforto, evidenziando come dietro un’uniforme che rappresenta le Istituzioni, vi sia la necessità che vi sia  una persona che dia l’esempio come nel caso del luogotenente Maraschio, a testimonianza dei valori secolari su cui si fonda l’Arma dei Carabinieri. Analogo ringraziamento è stato espresso dall’Assessore Regionale Roberto MARCATO, anche per la vicinanza e la sensibilità dimostrata nel contesto di un episodio che ha visto coinvolta, alcuni anni or sono, la sua famiglia.

Tali manifestazioni di stima e vicinanza da parte della popolazione altro non sono che una valorizzazione della figura del Comandante di Stazione dei Carabinieri  che stimolano l’istituzione a evidenziare la loro vita ordinaria nel quotidiano svolgimento del Servizio di Istituto. Per tale ragione è in animo la volontà di rappresentare alla cittadinanza le sensazioni e le esperienze che provano i comandanti di questi fondamentali presidi di legalità sul territorio, diffondendole mediante opportune iniziative.

Articolo di Redazione Padova

Leggi anche...

PADOVA: IN POCHI GIORNI RACCOLTE 700 FIRME CONTRO LA FATTURAZIONE ELETTRONICA COME E’ STATA PROPOSTA DALL’ATTUALE GOVERNO .

In pochi giorni i circoli cittadini  di Fratelli d’Italia di Padova hanno già raccolto oltre ...

Rispondi