Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / PORTOGRUARO – Le associazioni di categoria puntano a contrastare il fenomeno dell’abusivismo

PORTOGRUARO – Le associazioni di categoria puntano a contrastare il fenomeno dell’abusivismo

Presso la sede VeGal un importante incontro organizzato da Confartigianato Imprese del Veneto Orientale e CNA di Portogruaro e che ha visto la partecipazione dei Comuni del Portogruarese e le Forze dell’Ordine.

 

Obiettivo dell’incontro è stato quello di sensibilizzare le Amministrazioni locali sul tema dell’abusivismo, evidenziando l’ottimo lavoro di sinergia che stanno portando avanti i vari soggetti pubblici del territorio preposti alla vigilanza e al contrasto del fenomeno.

 

Presenti all’appuntamento i Comuni di Annone Veneto, Concordia Sagittaria, Fossalta di Portogruaro, Portogruaro, Pramaggiore, San Michele al Tagliamento, San Stino di Livenza, Teglio Veneto. Le Forze dell’Ordine sono state rappresentate dalla Guardia di Finanza e dalla Polizia Locale. Presenti inoltre lo SPISAL Ulss 10 Veneto Orientale e Confcommercio.

 

Il fenomeno dell’abusivismo e quello della presenza di attività irregolari e “sconosciute” che quotidianamente operano nei nostri territori stanno assumendo, in questo periodo, dimensioni rilevanti, mettendo in forte difficoltà le imprese regolari attraverso un’azione di concorrenza sleale.

Alcune iniziative di contrasto concrete, come i protocolli d’intesa firmati con il Comune di Portogruaro e di Concordia Sagittaria, nonché l’azione di sensibilizzazione verso i turisti del litorale Bibionese denominata “legal Summer 2014” in collaborazione con il Comune di San Michele al Tagliamento, sono state attuate.

Ora è tempo di “fare squadra”, portando questo problema all’attenzione dell’opinione pubblica, incentivando una collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti.

 

Dall’appuntamento è emersa la disponibilità da parte di tutti i Comuni presenti di sottoporre all’attenzione delle singole Giunte la possibilità di sottoscrizione del protocollo d’intesa per contrastare il fenomeno dell’abusivismo; parallelamente a ciò le Forze dell’Ordine, nei limiti del proprio ruolo e competenze, hanno garantito un ampio interesse verso il tema e l’approfondimento dello stesso in momenti comuni di confronto con la cittadinanza.

Siro Martin – Presidente Confartigianato Imprese del Veneto Orientale

Il percorso che assieme a CNA abbiamo intrapreso sul tema del contrasto all’abusivismo è iniziato ormai tre anni fa. Nel 2013 è arrivata la firma del protocollo d’intesa con il Comune di Portogruaro e lo scorso anno è stato sottoscritto anche da quello di Concordia Sagittaria. Stiamo portando avanti questa battaglia perché sempre più spesso i nostri associati ci segnalano casi di abusivismo e di lavoro nero, chiedendoci di intervenire per arginare il fenomeno. Chiediamo pertanto un’ulteriore e significativa azione di vigilanza pubblica da parte delle Forze dell’Ordine per tutelare gli onesti e il lavoro artigiano.

 

Giancarlo Zecchin – Presidente CNA di Portogruaro

Il Portogruarese è un territorio relativamente piccolo, nei nostri Comuni ci conosciamo tutti. Proprio per questo motivo dobbiamo cercare di aumentare i controlli, andando a stanare i “furbetti”. CNA e Confartigianato non intendono di certo usare la repressione come arma di difesa ma chiedono ai Sindaci e alle Forze dell’Ordine di lavorare insieme per limitare il fenomeno, intervenendo prontamente nei confronti di questi abusivi e allertando i committenti che gli danno lavoro.

 

Roberto Colussi – Comandante Polizia Municipale di Portogruaro

Il nostro ruolo è quello di vigilare. Non è sempre facile, sia per il numero delle risorse interne che abbiamo a disposizione e sia per le professionalità in campo. Di certo, già da tempo stiamo collaborando con le altre Forze dell’Ordine per un controllo più incisivo e capillare.

 

Stefano Izzo – Comandante Guardia di Finanza di Portogruaro

Il nostro è un lavoro di controllo a 360 gradi, che si estende dai reati di natura economica all’evasione fiscale fino, per l’appunto, all’abusivismo e lavoro nero. Nel nostro territorio non si registrano eventi di dimensioni enormi ma di certo il fenomeno esiste e va combattuto.

 

Giorgio Cipolla – SPISAL Ulss10 Veneto Orientale

La crisi economica ha colpito la nostra società e spesso i dipendenti di aziende edili si sono trovati costretti a diventare lavoratori autonomi, con ricadute negative sui loro livelli di sicurezza. Noi effettuiamo i controlli previsti valutando con attenzione la presenza di rischi reali. Va però ricordato che anche i committenti delle opere edili hanno degli obblighi in tema di sicurezza dei lavoratori e quindi potrebbero incorrere in sanzioni.

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

Crollo Ponte Morandi: morti Axelle, Melissa, Nathan e William, ventenni francesi diretti in Sardegna

Axelle Place, Melissa Artus-Bastit e Nathan Gusman, William Pouzadoux. Ci sono anche questi quattro ragazzi ...

Rispondi