Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Cronaca / PORTOGRUARO – FIRMATO DAL COMUNE IL PROTOCOLLO D’INTESA PER IL POTENZIAMENTO DEI COLLEGAMENTI FERROVIARI TRA CENTRO EUROPA E NORD ADRIATICO.

PORTOGRUARO – FIRMATO DAL COMUNE IL PROTOCOLLO D’INTESA PER IL POTENZIAMENTO DEI COLLEGAMENTI FERROVIARI TRA CENTRO EUROPA E NORD ADRIATICO.

Firmato a Monfalcone in occasione del 4° Forum Transfrontaliero ADRIA A il documento che allarga le azioni del Progetto Europeo Seta (South East Transport Axis) all’area del Veneto Orientale. Il progetto SETA ha come obiettivo il potenziamento dei collegamenti ferroviari fra il Centro Europa e i porti del Nord Adriatico. Questo protocollo d’intesa consente di estendere l’attività del corridoio SETA al Veneto ed è il risultato concreto della collaborazione avviata fra le due regioni a Portogruaro lo scorso 29 novembre durante il convegno di presentazione dello studio sulle infrastrutture logistiche ed intermodali del veneto orientale. Il Comune di Portogruaro, nel contesto del progetto SETA, assieme ai membri del tavolo tecnico sulle infrastrutture logistico intermodali del Veneto Orientale che comprende Interporto di Portogruaro, Consorzio Savo e il Centro Logistico Eastgate Park, ha firmato il documento. “I Comuni del Veneto Orientale – spiega l’Assessore al lavoro e alle attività produttive Paolo Bellotto – tutti facenti parte della nuova Città metropolitana di Venezia, hanno convenuto che il Portogruarese sia il polo urbano cui riconoscere il ruolo di porta di transito dei commerci verso il Centro Europa e, con la espansione a Est della Unione Europea, un’area di transito delle merci verso la realtà urbana di Monfalcone-Trieste e verso l’Est comunitario fino alla Federazione Russa. I corridoi Mediterraneo e Baltico-Adriatico, con il sistema portuale NAPA dell’Adriatico settentrionale vedono l’area di Portogruaro (nel Veneto), e quelle di Pordenone e Monfalcone (nel Friuli-Venezia Giulia) necessariamente al centro di qualsiasi progetto. Se si aggiunge una realtà turistica che vede 20 milioni di turisti all’anno tra Jesolo, Caorle, Bibione e Lignano Sabbiadoro (che sarebbe opportuno servire adottando le modalità distributive merci della city logistics), si ha il quadro di una realtà che ha delle potenzialità enormi in termini di sviluppo commerciale e di servizi alla distribuzione e alla logistica. Molto è già stato fatto, ora si tratta di mettere in rete funzionalmente le strutture di cui già si dispone, dalle retri viarie anche di recente implementate – da ultimo il completamento della tangenziale – alle piattaforme logistico-intermodale. Alcuni interventi si stanno completando (ampliamento Consorzio Savo) ed altri sono previsti sia all’interno del polo logistico di Eastgate Park sia dell’Interporto Portogruaro (ampliamento area piazzale e allungamento binari). Tra gli altri particolare interesse riveste l’attivazione di un progetto di city logistics per il sistema delle spiagge. A livello più generale vogliamo studiare la creazione di un polo logistico interregionale per il settore agroalimentare e a supporto dell’economia turistica, a partire dall’evento Expo2015 e coordinarci ancora più operativamente con il tavolo interregionale Veneto-Friuli Venezia Giulia del progetto SETA”

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

CARMIGNANO DI BRENTA (PD) : Fa un volo 5 metri mentre sostituisce lamine di copertura di una stalla: grave 50enne

E’ caduto al suolo da un’altezza di 5 metri mentre stava cambiando delle lamine ondulate ...

Rispondi