Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Sport / PORTOGRUARO – JUDO KIAI ATENA : GLI ATLETI MARCO DOTTA E MARCO DURIGON CONVOCATI AI MONDIALI DI MALAGA IN SPAGNA

PORTOGRUARO – JUDO KIAI ATENA : GLI ATLETI MARCO DOTTA E MARCO DURIGON CONVOCATI AI MONDIALI DI MALAGA IN SPAGNA

E’ arrivata la convocazione ufficiale della Federazione FIJLKAM per gli atleti Marco Dotta e Marco Durigon del Judo Kiai Atena che vestiranno per la 15° volta la maglia azzura
ai Mondiali di Judo di Malaga in Spagna e che si svolgeranno dal 20  al 21 settembre in una delegazione, quella Italiana,  di sole  7 coppie nei cinque Kata da gara le migliori in ITALIA.
Meritata convocazione dopo il 1° posto assoluto al Gran Prix D’Italia 2014 , non del tutto scontata però,  in quanto il campionato si è svolto con vari testa a testa con le coppie più blasonate d’Italia , ma i nostri atleti hanno sugellato una rimonta insperata vincendo le ultime tre prove a Reggio Emilia, Catania e infine con il secondo posto ai campionati Italiani di Bari hanno ottenuto il primato nazionale come nel 2012 !.

Nei prossimi mondiali parteciperanno le coppie più forti al mondo nei cinque Kata senza nessuna suddivisione di età,  sesso e grado di cintura . Cosa molto diversa dalle gare di combattimento che invece sono suddivise in categorie di eta, peso e sesso. 

La tensione sarà alta  quando i nostri atleti saliranno sul tatami Spagnolo ad eseguire il Kata dove ci sarà una commissione composta da 5 arbitri di altrettanti continenti e decine e decine di altri giudici compreso la commissione ufficiale Giapponese del Kodokan di Tokyo.

Nel Kata non si combatte contro un altro uomo ma contro te stesso le tue paure, la tua mente, la tua concentrazione, mentre si esegue il Kata non ci dovrà essere nessun pensiero !,  solo la mente vuota può dare quello stato di semi incoscienza dove i due atleti sono in simbiosi , nel kata che eseguiranno i nostri due atleti,  il Kodokan Goshin Jitsu (kata della difesa personale mopderna ) sarà un combattimento finto a mani nude ed armi: coltello, pistola , bastone dove i più piccoli dettagli faranno la differenza e i punti solo due o tre fanno la differenza con le altre coppie di alto livello internazionale !!! . Ma il Kata in questo caso è valutato con criteri sportivi cinque punteggi dei giudici a cui và tolto il punteggio per ogni tecnica più basso e il più alto e poi si fa la somma.

I nostri atleti hanno avuto in questi anni un miglioramento esponenziale ma ancora , forse non sono riusciti a convincere i giudici per questo assieme al proprio tecnico il Maestro docente Federale di Kata ; Maurizio Scacco di Azzano Decimo uno dei massimi esperti di Kata Italiani , che segue gli atleti da diversi anni,  si stà lavorando ad ogni minimo dettaglio per arrivare a quella simbiosi e perfezione che fà la differenza. 

D’altra parte oramai gli atleti dopo 6 anni di lavoro gli atleti hanno maturato quell’esperienza necessaria per arrivare questa volta molto preparati e per la coppia sarà il 4° mondiale dopo Budapest , Francoforte e Pordenone , l’argento agli Europeo di Malta e vari 5° posti ai Campionati Europei.

Individualmente per il maestro Marco Dotta, cintura nera 5º dan, del Kiai Atena di Portogruaro si aggiunge l’esperienza nelle gare di combattimento , ricordiamo che nel 2005 vinse il titolo Europeo Master di combattimento a Londra, la medaglia di Bronzo agli Europei nel 2010 e che ancor prima partecipò ai mondiali della Word Master a Vienna vincendo il 2° posto e a Tokyo conquistò il 5° posto a squadre.
Obbiettivi degli atleti, e soprattutto dello sponsor Atena che aiuta questa società ad ambire a risultati internazionali, è puntare ad arrivare alla finale tra i primi sei al mondo. Nazioni come Giappone, Spagna e Francia eccellono nella specialità dei Kata, che potrebbe addirittura in futuro diventare disciplina olimpica per i combattimenti. Tutto può succedere.

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

IMPIANTI RISALITA MALGA CIAPELA (BL). ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO: “LA LEGGE STATALE VA CAMBIATA”

“Per quanto riguarda gli impianti di risalita di Malga Ciapela, il problema è essenzialmente quello ...

Rispondi