Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Eventi / PORTOGRUARO – Mostra “L’Anarchico Viaggiante” dello scultore Giorgio Igne: dal 1° Marzo alla Galleria Ai Molini

PORTOGRUARO – Mostra “L’Anarchico Viaggiante” dello scultore Giorgio Igne: dal 1° Marzo alla Galleria Ai Molini

Continua senza sosta l’attività della Galleria d’Arte ai Molini, dopo il grande successo della mostra di Dolores Previstali, si inaugura domenica 1° marzo alle ore 11.00 la mostra “L’Anarchico Viaggiante” dello scultore GIORGIO IGNE, con l’intervento critico di Lorena Gava, alla presenza dello stesso autore.  La mostra sarà aperta fino al 29 marzo.

Giorgio Igne nasce a Milano nel 1934 da genitori friulani. Consegue il titolo di Maestro di scultura in pietra presso l’Istituto d’Arte di Venezia «I Carmini» e si diploma poi in Scultura all’Accademia di Brera a Milano, sotto la guida dei Maestri Francesco Messina e Francesco Wildt. La sua indagine plastica, accompagnata da una consistente attività espositiva, inizia negli anni ’50 e procede parallelamente alla docenza di discipline artistiche in vari istituti scolastici, compreso il Liceo Artistico «Amedeo Modigliani» di Padova dove si distingue per un’autentica e lodevole abilità comunicativa, libera da schemi precostituiti e capace di contagiare positivamente il pubblico dei discenti. Lascia l’insegnamento nei primi anni ’90 e dopo una prolungata azione di volontariato nei territori della ex Jugoslavia devastati dalla guerra, soggiorna per lunghi periodi in diversi paesi del mondo: Mendoza (Argentina), Rio Grande (Terra del Fuoco), Pinheiros (Brasile), San Carlos e Yapacanì (Bolivia), Jermina (Ciad), dove compie notevoli opere monumentali. Rientrato stabilmente in Italia, continua con successo la sua intensa attività scultorea. La Provincia di Pordenone e i territori limitrofi presentano numerose realizzazioni di Giorgio Igne in edifici religiosi e civili e, all’aperto, in molteplici contesti urbani.

L’indagine intorno all’uomo è il perno centrale della ricerca artistica di Giorgio Igne. Prende corpo un realismo tormentato, marcato, pungente, talvolta esagerato nell’intento di esternare emozioni viscerali.

Giorgio Igne sceglie come materiale il cemento, duro, resistente.

Forte l’interesse dell’autore per alcune tematiche: «Crocifisso», «Donna», «madre», «madre e figlio», «Condizione umana», «Ruota della vita», «J’accuse», «attesa», «Partecipazione».

 

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

Riprendono domani mattina le ricerche dei due escursionisti sotto la Cima del Cacciatore (Alpi Giulie)

Riprenderanno domani mattina a partire dalle 7 del mattino e con ulteriori rinforzi le ricerche ...

Un commento

  1. Ho avuto il privilegio di conoscere il prof. Giorgio Igne in qualita’ di studente presso il Liceo Artistico di Padova negli anni 1984-1987… che dire…e’ stato un grandissimo professore, un vero artista e un uomo fantastico! Lo ricordero’ sempre con grandissimo affetto e con un’immensa nostalgia, come una delle persone piu’ importanti per la mia formazione di studente, di artista e soprattutto di uomo. Grazie carissimo professore!

Rispondi