PORTOGRUARO – NUOVO POLO CULTURALE A PALAZZO VENANZIO: APERTO IL CANTIERE

Hanno preso avvio in questi giorni I lavori di restauro del palazzo Altan-Venanzio per la realizzazione del

nuovo Polo Culturale sede della nuova Biblioteca.

Come noto, la collocazione della Biblioteca nel prestigioso palazzo Altan-Venanzio, comporta una necessità

di adattamento all’architettura del luogo (che è quella del tipico palazzo veneziano con saloni centrali su

cui si affacciano le stanze laterali), per non snaturarne l’impianto originale, ripristinato negli anni ottanta con i

lavori di restauro dell’arch. Salvatore Nappi.

Una volta terminati i lavori di restauro (si prevede entro fine anno) si procederà con gli allestimenti, il cui

progetto è completato.

L’impianto funzionale-distributivo della nuova biblioteca si svilupperà su 3 livelli concettuali:

• SMART (PIANO TERRA): È il livello dell’accoglienza, della mediazione con la città, uno spazio

“facile” dove sarà immediato l’uso delle funzioni della biblioteca, quali lo scambio informativo,

l’emeroteca e la sala multimediale con le sezioni musica e cinema, una zona relax e ristoro, lo

spazio novità. Uno spazio pubblico transitabile porterà anche a scoprire il giardino retrostante.

• HEART (PRIMO PIANO NOBILE): Nel cuore della biblioteca si mettono in moto dinamiche

laboratoriali e di uso specifico. Una gran parte degli spazi sarà dedicata alla biblioteca per ragazzi.

Il salone centrale si configura comunque come spazio polifunzionale, dove alternare attività didattica

per gruppi-classe, spazio allestitivo e di lettura per ragazzi, sala incontri e conferenze.

• HEAD (SECONDO PIANO NOBILE): È la testa della biblioteca. L’accesso alla sala centrale indica

l’inizio di uno spazio “classico” di consultazione e studio, che si ripete con maggior intimità nelle sale

perimetrali.

• Un quarto livello, quello del PIANO AMMEZZATO ospiterà le funzioni amministrative e

biblioteconomiche, i fondi speciali e la sezione locale, spazi incontro e studio per piccoli gruppi.

Alcuni dati:

• la biblioteca ospiterà ca. 222 posti a sedere

• 1500 ml di scaffalature + 200 di magazzino, con un incremento medio previsto del 25% per le varie

sezioni di materie. Per le sezioni ragazzi l’incremento sarà del 43%; per la sezione locale del 37%.

• Superficie ad uso pubblico: ca. 900 mq.

“Parliamo di “nuova Biblioteca” – afferma l’assessore alla Cultura Maria Teresa Ret – perché non si tratterà di

un semplice trasferimento di libri da un luogo all’altro ma della realizzazione di un servizio per la città e il

territorio finalmente rispondente al moderno concetto di biblioteca, un luogo per la comunità in grado di

accogliere tutti: giovani, anziani, adulti, bambini e famiglie, con spazi, materiali e attività dedicati. Il luogo

dei libri ovviamente, ma anche di nuovi, adeguati spazi e attrezzature per i multimedia, dove poter

consultare riviste e giornali cartacei e on-line rispondenti agli interessi più svariati, dove ascoltare musica,

vedere un film, scoprire la città e il territorio, consultare l’archivio storico, studiare o semplicemente leggere

in tranquillità o in gruppo, incontrarsi con altre persone, partecipare a conversazioni e occasioni culturali e di

svago, un luogo dove dare e ricevere saperi, la nostra nuova piazza del sapere. Un progetto importante per

la città. Un progetto importante anche per la struttura comunale che ringrazio per l’impegno con cui sta

lavorando.”