Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / PROVE DI DISGELO: incontro ANCI FVG e Assessore Panontin

PROVE DI DISGELO: incontro ANCI FVG e Assessore Panontin

La previsione di una penalizzazione in sede di assestamento al bilancio regionale per quei comuni che, oltre al ricorso contro la Legge 26, si fossero messi nella condizione di essere commissariati dalla regione per gli adempimenti relativi alla costituzione delle UTI è stata fortemente avversata già nelle scorse settimane da Anci FVG.

“Nella legge infatti vi sono già tutte le penalizzazioni per quei comuni che, nella loro autonomia, decidessero di non aderire alle unioni territoriali; – dichiara il presidente di Anci Mario Pezzetta – appare del tutto inopportuno aggravare ulteriormente la posizione di questi ultimi non trasferendo risorse che sono, va ricordato, dei cittadini ancorché residenti nei comuni ricorrenti.”

Per superare questa posizione si è tenuto ieri in Regione a Udine un incontro tra l’assessore regionale Panontin e una delegazione di Anci FVG guidata dal Presidente Pezzetta e composta anche dal vice Presidente Francesconi, dal Sindaco di Talmassons Zanin e dal Segretario generale di Anci Fabbro.

Durante il franco e proficuo confronto, l’Assessore alle Autonomie locali si è impegnato a rivedere la contestata proposta scritta nell’art. 10 comma 5 della legge di assestamento quando ha ascoltato le ragioni che i sindaci di Spilimbergo e Talmassons hanno rappresentato anche a nome dei 58 Comuni che si sono rivolti al TAR.

Nello specifico, sono state ribadite le ragioni di natura politica che hanno portato al ricorso e alle impugnazioni degli atti successivi e conseguenti; tuttavia è stato anche ribadito con chiarezza che, in virtù del principio di leale collaborazione amministrativa e pur nella convinzione delle proprie ragioni, non vi è nessuna volontà di nuocere con i propri atti al  percorso che porterà alla nascita delle UTI danneggiando i comuni favorevoli né tanto meno quello di compromettere la funzionalità dei propri enti.

A riprova di quanto affermato, Zanin e Francesconi hanno evidenziato la partecipazione sostanziale dei ricorrenti ai passaggi cruciali propedeutici alla nascita delle unioni: partecipazione dei sindaci alla formazione per gli amministratori, ai dibattiti relativi agli statuti delle unioni stesse e al costruttivo confronto in seno all’Anci per proporre ulteriori future modifiche alla norma.

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

PADOVA : ARRIVA IL PICCO DELL’INFLUENZA STAGIONALE . IN VENETO MEGLIO RISPETTO AL RESTO D’ITALIA

L’influenza stagionale 2018-2019 ha fatto la sua comparsa anche in Veneto, pur se con un’entità ...

Rispondi