Riprendono domani mattina le ricerche dei due escursionisti sotto la Cima del Cacciatore (Alpi Giulie)

Riprenderanno domani mattina a partire dalle 7 del mattino e con ulteriori rinforzi le ricerche dei due escursionisti triestini di cui non si hanno più notizie da martedì 11 dicembre. Uno degli ultimi segnali del loro passaggio è stato ripreso da una fototrappola dei forestali dell’arma dei Carabinieri collocata in quota in prossimità della traccia di sentiero che collega Sella Prasnig a Malga Lussari (tra i 1500 e i 1600 metri di altitudine).
L’immagine, che ha catturato nella scheda le sagome degli escursionisti, risale proprio a martedì 11 dicembre alle ore 13.05. Da quel momento i rilievi registrati dalla fototrappola riguardano solamente uno dei due cani che erano con loro, in diversi passaggi e in due direzioni. I soccorritori sono stati impegnati fino alle 21 in quota sotto una nevicata mista a nevischio e con scarsa visibilità dovuta a nubi basse per cercare i dispersi nei pressi di un’area in cui gli stessi cani, che erano nel pomeriggio stati individuati a valle nelle vicinanze dell’automobile parcheggiata, sono ritornati e hanno continuato ad abbaiare.
Si tratta del versante est di Cima del Cacciatore, che guarda alla Valle di Riofreddo ed è caratterizzato da pendii ripidi e solcato da diversi canali. Non è stato possibile recuperare i due animali, nemmeno porgendo loro del cibo. Un presidio di soccorso rimane sempre attivo nella sede del Soccorso Alpino e Speleologico a Tarvisio.
Domani accanto al Soccorso Alpino e Speleologico, alla Guardia di Finanza e ai Vigili del Fuoco, ci saranno anche gli uomini del Corpo Forestale regionale oltre all’elicottero della Protezione Civile che, non appena ci sarà luce e visibilità, effettuerà altre ricognizioni di avvistamento.