Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Eventi / Rivignano: INCONTRO FEDRIGA – CECOTTI, grande affluenza di pubblico

Rivignano: INCONTRO FEDRIGA – CECOTTI, grande affluenza di pubblico

L’incontro che si è svolto ieri sera a Rivignano, organizzato e presentato dal sindaco Mario Anzil, si preannunciava fin da subito come un “evento” politico : per la prima volta il prof. Sergio Cecotti, già presidente della Regione e per due volte sindaco di Udine, sedeva a fianco dell’onorevole Massimiliano Fedriga, capogruppo alla Camera e segretario regionale della Lega Nord. Due visioni differenti dell’autonomismo alla ricerca di punti in comune, aiutati dalla ferma convinzione di entrambi che votare NO al referendum del 4 dicembre sia indispensabile per salvare la nostra Regione.
E che l’evento fosse atteso e interessante lo ha dimostrato il numerosissimo pubblico intervenuto: la grande sala era gremita già mezz’ora prima dell’inizio e per due ore abbondanti tutti hanno seguito con attenzione un dibattito ricco di spunti di riflessione. “Votare no al referendum costituzionale per dire SI al Friuli” questo il titolo del convegno. Abbastanza scontata l’affinità tra i due relatori sulla bontà delle ragioni del no, sintetizzate da Fedriga con “la legge Renzi-Boschi toglierà autonomia e democrazia e aumenterà la confusione”.  La sorpresa invece è stata nel constatare una comunanza di vedute anche sul Friuli di oggi e su quello ideale per domani. Entrambi contrari alle Uti, le nuove diciotto inutili miniprovince imposte dalla Serracchiani: per Cecotti le Uti sono già “morte, sono un  cadavere che per ora nessuno vuole seppellire, ma prima o poi arriverà un sindaco coraggioso -ha aggiunto Cecotti guardando Anzil- e dovrà fare il becchino e metterle sotto terra, per il bene del Friuli”. Consensi sia da Cecotti sia da Fedriga anche per l’idea delle province autonome del Friuli e di Trieste. L’incontro infatti era promosso dal comitato Tuttiperilfriuli che si propone appunto di abolire le diciotto Uti appena istituite dalla Regione e di sostituirle con due sole province autonome come in Trentino Alto Adige: “un modello -ha spiegato Anzil- che ha già dimostrato di funzionare meglio e di costare meno, e che peraltro fu pensato da Tessitori proprio per la nostra Regione e poi fu intelligentemente copiato da chi comprese le sue grandi potenzialità”.

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

PADOVA: SI CHIUDE IL FLORMART 2018 E GIA’ SI PENSA ALLA 70° EDIZIONE CON UNA PROPOSTA ESPOSITIVA COMPLETAMENTE RINNOVATA

Gli oltre 40 appuntamenti che hanno visti impegnati circa 200 relatori sul tema del vivaismo, ...

Rispondi