ROMA : Il presidente della Provincia di Padova , Fabio Bui , in udienza da Papa Francesco .

Il presidente della Provincia di Padova Fabio Bui ha partecipato all’udienza con Papa Francesco organizzata per il Centenario dell’Istituto Barbarigo di Padova. La delegazione, composta da oltre 1300 persone tra alunni, docenti, personale della scuola, genitori, familiari, ex allievi e dai rappresentanti istituzionali di Padova, ha potuto così essere accolta dal Pontefice in Vaticano. Dopo l’udienza, il vescovo Claudio Cipolla ha celebrato una messa dall’altare della Cattedra nella Basilica di San Pietro.
Ho fortemente voluto prendere parte a questo magnifico pellegrinaggio – ha detto il presidente Bui – perché come Provincia negli anni abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto con l’Istituto Barbarigo che quest’anno celebra il suo primo centenario ed è un punto di riferimento per l’educazione cattolica e scolastica di tutto il territorio. E’ stata una giornata unica e credo che il Papa abbia il dono di leggere i nostri cuori senza troppe parole. L’incontro ha sicuramente lasciato un segno in tutti noi. Ringrazio don Cesare Contarini, Rettore del Barbarigo, per l’invito e per aver saputo organizzare iniziative tanto importanti per questo primo centenario. Sicuramente ai ragazzi e alle loro famiglie resteranno ricordi e messaggi che li accompagneranno per tutta la loro vita”. 
C’erano anche l’assessora alle Politiche Educative del Comune di Padova, Cristina Piva, e quella alla Sussidiarietà, Francesca Benciolini, con il Vescovo Claudio Cipolla, al presidente della Provincia Fabio Bui e circa 1.300 tra alunni, ex alunni, insegnanti, famiglie all’udienza papale prevista nell’ambito dei festeggiamenti per i cento anni dell’istituto vescovile Barbargigo.«Come ha sottolineato il Vescovo Cipolla – spiega l’assessora Piva – la presenza delle istituzioni cittadine in questa occasione ha voluto sottolineare il ruolo della scuola nella società civile. In un secolo di storia l’istituto Barbarigo ha attraversato la storia della città dando un contributo fondamentale alla crescita di tutta la comunità».

«È stata un’esperienza intensa – ribadisce l’assessora Benciolini – Il Papa si è rivolto agli studenti guardandoli negli occhi, con un discorso molto toccante con cui ha sottolineato l’importanza della comunità, delle radici, ma anche la necessità di guardare avanti e di effettuare anche scelte coraggiose. Siamo state molto onorate di avere l’importanza di ribadire la vicinanza di tutta la comunità cittadina in questa occasione ai ragazzi e alle famiglie che con noi hanno vissuto questo momento importante».