RUBANO LA CASSETTINA DELLE DONAZIONI DI TEAM FOR CHILDREN DA GRAZIATI

Oramai è diventato un modus operandi, infatti in città non è certo la prima volta che succede: approfittando della confusione in un negozio o in un bar, spariscono improvvisamente le cassettine delle donazioni ad associazioni benefiche. Questa volta lo scenario è il bar pasticceria Graziati, che teneva vicino alla cassa il salvadanaio di Team for Children Onlus, l’associazione dedicata ad assistere i bambini malati oncologici e le loro famiglie, facendo capo al reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale di Padova.

“Sono assolutamente disgustata!” dichiara Elena Graziati titolare della pasticceria e da anni volontaria di Team for Children “E’ un impegno importante quello di raccogliere fondi per i bambini malati e non riesco a credere che qualcuno possa approfittarsene così. Nel salvadanaio c’erano oltre 200 euro di donazioni lasciate dai nostri clienti. In particolare ci aveva colpito una bambina che aveva chiesto al papà di spiegarle cosa faceva la nostra associazione e poi aveva preso dei risparmi dal proprio portamonete per fare la sua personale donazione. E’ giusto mettere in guardia tutti gli esercenti e anche i loro clienti, perché queste ignobili situazioni non si ripetano nuovamente”.

Ovviamente l’autore del furto non è stato ancora identificato, nella pasticceria entrano tanti avventori e soprattutto di mattina c’è molto movimento, approfittando proprio di questo, qualcuno ha rapidamente fatto sparire l’intera cassettina.

In precedenza la stessa situazione si era ripetuta presso Baessato, dove erano state rubate le donazioni per il Canile di Rubano – che un generoso donatore ha fortunatamente elargito per riparare al danno –  poi stesso iter presso il Bar Da Zita in via Gorizia che raccoglieva fondi per un’altra onlus.

“In questo periodo stiamo sostenendo due progetti molto importanti” spiega Elena Graziati “il primo è la realizzazione della Teen Zone, l’area dedicata agli adolescenti presso il reparto di Oncoematologia, l’altro è lo screening sull’anemia falciforme una delle malattie genetiche ereditarie dell’emoglobina più frequenti a livello mondiale, che ha un’altissima mortalità nei primi quattro anni di vita. Ogni donazione per noi è vitale e frutto della generosità delle persone che comprendono l’importanza del nostro impegno, per questo tali episodi sono assolutamente inaccettabili”.