Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Cronaca / SAN DONA’ DI PIAVE – DISCARICA, MESSA IN SICUREZZA A SEGUITO DI SVERSAMENTO PERCOLATO MARUSSO: «POSSIBILE ATTO VANDALICO»

SAN DONA’ DI PIAVE – DISCARICA, MESSA IN SICUREZZA A SEGUITO DI SVERSAMENTO PERCOLATO MARUSSO: «POSSIBILE ATTO VANDALICO»

Procedura di messa in sicurezza della discarica di via Silos a seguito di uno sversamento di percolato dovuto alla rottura di un manicotto. A segnalare l’incidente anche il deputato del Movimento 5 Stelle Arianna Spessotto, che ha trasmesso al sindaco Andrea Cereser alcune fotografie che documentano lo sversamento di percolato. «A seguito della segnalazione dell’on. Spessotto, che ringrazio – spiega l’assessore all’ambiente Luca Marusso – è stata immediatamente allertata la ditta che gestisce la discarica, avviando le operazioni di messa in sicurezza». Gli impianti sono stati riattivati e il Canale Calletta è stato sbarrato come da procedura.

 

La discarica, sita tra i Comuni di San Donà e Noventa, è regolarmente controllata da due ditte, tra le più note del settore: la Veolia, concessionaria per la costruzione e la gestione dell’impianto, e la Golder Associates, responsabile del piano di controllo. Durante il sopralluogo di tecnici delle due aziende è stato rilevato uno sversamento di percolato sul lato ferrovia, sul versante a nord-ovest dell’impianto. Lo sversamento, contenuto nei lotti C e D della discarica, ha riguardato soprattutto una strada arginale interna all’impianto. «Lo sversamento ha riguardato la parte superficiale del terreno, ma sono in corso analisi e controlli, anche a cura dei tecnici del Comune e del Consorzio di Bonifica che hanno svolto sopralluoghi congiunti, per valutare se il percolato abbia raggiunto le acque superficiali in corrispondenza del Canale Calletta, che scorre di fronte al luogo dell’incidente – spiega Marusso – Sono in corso analisi per escludere ogni possibile contaminazione della rete dei canali di bonifica e, nel frattempo, il Canale Calletta è stato sbarrato a valle dell’incidente, come previsto dalle procedure per evitare la propagazione di eventuali inquinanti e si sta procedendo al suo svuotamento con delle autobotti».

 

Gli altri interventi di messa in sicurezza hanno riguardato l’immediato ripristino della funzionalità della condotta di convogliamento del percolato, la rimozione del refluo presente sulla fascia di terreno prospiciente il tratto di scarpata, il campionamento e successiva analisi delle acque del canale di bonifica per circoscrivere il tratto interessato. «Oltre a eseguire tutti gli accertamenti, interventi e controlli previsti dalla normativa – aggiunge Marusso – è stata inviata comunicazione agli enti competenti».

 

Dai rilievi la rottura del manicotto che ha originato lo sversamento non sembra accidentale. «È stata sporta denuncia contro ignoti – conclude Marusso – Secondo quanto mi dicono i tecnici è molto improbabile che un manicotto del genere, testato per resistere a pressioni e sollecitazioni molto superiori a quelle per cui era impiegato, e controllato senza presentare problemi».

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

ABANO TERME (PD) : VISITA DELL’ASSESSORE DE BERTI AL CENTRO CONTROLLO AL TRAFFICO E ASSISTENZA AL VOLO AERONAUTICO

L’Assessore regionale ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti Elisa De Berti ha fatto visita oggi ...

Rispondi