SAN DONA’ DI PIAVE – SERVICE MED SAN DONA’, PROVA DI CARATTERE A PADOVA

La Service Med San Donà dimostra di avere carattere. A Padova, per la seconda di Coppa Italia di B1, finisce

ancora 2/3. E ancora una volta si può parlare di una sconfitta indolore, anzi, di una dimostrazione di carattere

e di forza, per la giovanissima formazione di Giuseppe Giannetti, che di fronte si trovava quello che molti

indicano come uno “squadrone”, in grado di dire la sua nell’imminente campionato di B1. Sotto 0/2 la Service

Med è riuscita a rimettersi in piedi e pareggiare i conti, per poi giocarsi tutto al tiebreak. Senza contare che ieri

sera il sestetto non poteva contare su Eleonora Furlan: la forte centrale era impegnata con il Conegliano.

Nei primi due set poca incisività in battuta e ricezione complessivamente non efficace. Poi si è iniziato a

ricevere meglio e giocare al centro, oltre a sciorinare battute più aggressive.

Confortanti i numeri, dove la Service Med San Donà ha dimostrato anche di avere fatto meglio in alcune

situazioni. Attacco: 38% San Donà contro il 32% di Padova; nella ricezione si pagano soprattutto i primi due

set, 66% (38%) contro 69% (43%) delle padroni di casa; muri 8 a 6 per Padova.

LEALI PADOVA VOLLEY PROJECT – SERVICE MED SAN DONA’: 3 – 2

PARZIALI: 25/22, 25/12, 17/25, 22/25, 15/7

LEALI PADOVA VOLLEY PROJECT: Forzan (L), Guerra, Secco 11, Dall’Ora 17, Grassini, Meggiolo,

Rigon, Meggiato, Moro 10, Campagnaro 5, Scarpa, Rampazzo. All. Bertolin

SERVICE MED SAN DONA’: Carraro 1, Masiero 2, De Bortoli Giorgia 26, Grigolo 27, Cesario Greggio 9,

Guerrato (L), Scarton, Cibin 6, De Bortoli Chiara (L), Martinelli 1, Dotta ne, Perale ne. All. Giannetti