Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / San Donà di Piave – SICUREZZA, ISTITUITA EMAIL PER IL CONTROLLO DEL VICINATO

San Donà di Piave – SICUREZZA, ISTITUITA EMAIL PER IL CONTROLLO DEL VICINATO

Istituito indirizzo email dedicato specificatamente al Controllo del vicinato, programma che prevede l’auto-organizzazione tra vicini per controllare l’area intorno alla propria abitazione. Mentre sono stati ordinati i cartelli che indicheranno le aree dove il Controllo del Vicinato è già stato attivato.

 

All’account, controllodelvicinato@sandonadipiave.net, risponderanno operatori della Polizia Locale fornendo informazioni sullo sviluppo del progetto, sulla costituzione di gruppi di Controllo del vicinato. Sarà anche uno dei canali di comunicazione di eventuali segnalazioni di situazioni sospette. «Abbiamo attivato un’email specifica a fronte delle richieste di cittadini interessati al progetto – spiega il vicesindaco con delega alla sicurezza Luigi Trevisiol – Sono poi i cittadini a decidere se attivare o meno il Controllo del vicinato e ad autogestirlo, ma l’amministrazione, oltre che promuoverlo, sta fornendo supporto sia sotto il profilo logistico come sotto il profilo della comunicazione».

 

Il progetto, che vuole migliorare la sicurezza e la vivibilità attraverso il recupero dei rapporti umani e dei valori della buona convivenza, era stato proposto dall’amministrazione ai cittadini nel luglio dell’anno scorso, sul modello di precedenti esperienze sviluppate a Mira. È stato oggetto di una serie di incontri specifici con i quartieri e le frazioni, condotti dal sindaco Andrea Cereser e dalla comandante della Polizia Locale Danila Sellan, con interventi di responsabili dell’associazione nazionale Controllo del vicinato. È operativo a Isiata e Fossà. «Si tratta di frazioni dove già era attivo un comitato di quartiere che si è fatto carico di auto-organizzarsi anche per il controllo del proprio territorio e a quanto pare ci sono già stati dei risultati positivi – spiega Trevisiol – L’email attivata dal Comune serve anche di supporto a quelle persone che vivono in quartieri dove il progetto non è ancora stato attivato ma ne sono interessate».

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

Crollo Ponte Morandi: morti Axelle, Melissa, Nathan e William, ventenni francesi diretti in Sardegna

Axelle Place, Melissa Artus-Bastit e Nathan Gusman, William Pouzadoux. Ci sono anche questi quattro ragazzi ...

Rispondi