Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Eventi / SESTO 11 marzo NÉ SERVA NÉ PADRONA: EMANCIPAZIONE FEMMINILE NELLA COMMEDIA DELL’ARTE

SESTO 11 marzo NÉ SERVA NÉ PADRONA: EMANCIPAZIONE FEMMINILE NELLA COMMEDIA DELL’ARTE

Approfondire il tema dell’emancipazione femminile celebrando in modo alternativo la Giornata Internazionale delle Donne. Questo l’obiettivo dell’evento messo a punto da Porto Arlecchino all’interno della rassegna Ripersonanze in programma per sabato 11 marzo alle ore 18.00 nel borgo abbaziale di Sesto al Reghena. Nella sala conferenze “Giuseppe Marieni” dell’Hotel In Sylvis andrà in scena lo spettacolo Nè serva nè padrona, conferenza Buffa sulle Donne della Commedia dell’Arte, di e con Claudia Contin Arlecchino.

Lo spettacolo è dedicato alle figure femminili della Commedia dell’Arte e alla loro emancipazione, iniziata nel Cinquecento, che poi pose le basi alle rivendicazioni più generali delle donne, nelle professioni e nei diritti. Una conferenza-confessione buffa che si inserisce, in modo innovativo, nel filone delle “ciarle” inventato da Dario Fo e proseguito da Marco Paolini. Le musiche dello spettacolo, preziose testimonianze dei pensieri e delle emozioni dell’epoca, sono riscritte ed eseguite con gusto molto raffinato da Luca Fantinutti.

La Commedia dell’Arte italiana fu censurata e condannata, da parte della morale ufficiale, che ne impediva soprattutto l’accesso da parte del mondo femminile. Ma le donne ignorarono il divieto, e questa sorta di “rivoluzione comica” rinascimentale pose le basi dell’emancipazione femminile. Per questo, Né serva né padrona”, come ricorda spesso la sua protagonista, rappresenta un perfetto compendio di divertimento e di orgogliosa consapevolezza femminile. Dopo lo spettacolo a Sesto al Reghena, per chi lo desidera sarà anche possibile gustare un menù a tema proposto dal contiguo ristorante Abate Ermanno (info e prenotazioni: 0434 694911).

Il progetto Ripersonanze nasce dalla collaborazione tra Porto Arlecchino, il “laboratorio di Archimede” inventato da Claudia Contin Arlecchino con Luca Fantinutti, e l’Hotel in Sylvis di Sesto al Reghena. Si tratta di una variegata e inedita joint venture tra artisti e strutture ricettive che è cominciata a novembre dello scorso anno e si è articolata in questi mesi fino a giungere ai prossimi eventi in programma per tutto il mese di aprile. L’esperienza ha visto nascere mostre, laboratori, presentazioni di libri e ora si appresta anche ad ospitare questo appuntamento spettacolare.

Ma l’Arlecchino “per le donne”  non si fermerà  e, oltre alla data friulana, viaggerà per tutto il mese in varie località italiane. L’8 marzo ha recitato in una location storica cara a Goethe e soprattuto a molti artisti donne, visto che Nè serva nè padrona è andato in scena sul lago di Garda, nell’Antica Sala della Comunità di Nago (Comune di Riva del Garda). Un periodo denso di riconoscimenti, progetti e nuove avventure per Arlecchino e il suo mondo. Tra l’altro, Claudia Contin Arlecchino è appena tornata da Napoli, dove ha condiviso ancora una volta il palcoscenico con il famoso Arlecchino da Milano Ferruccio Soleri e insieme a Ferruccio Merisi ha gestito un importante e riuscito stage sulla Commedia dell’Arte Contemporanea al festival Comedì – i giorni della Commedia dell’Arte, in occasione Giornata mondiale della Commedia dell’Arte .

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

CITTADELLA (PD) : CITTA – VENEZIA 3-2 ,Finotto straripante, Venezia ko .

Venturato gioca con il collaudatissimo 4-3-1-2, con Schenetti dietro alle punte Finotto e Strizzolo. Zenga ...

Rispondi