TOP NEWSVIDEO

MILANO : CINQUE ARRESTI E SEQUESTRI PER TRAFFICO ILLECITO DI RIFIUTI.

VIDEO

Questa mattina i Finanzieri del Comando Provinciale di Milano hanno dato esecuzione ad
una ordinanza emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Milano su richiesta dei Sostituti
Procuratori dott. Stefano Ammendola e dott. Francesco Natale De Tommasi, che ha
disposto misure cautelari personali per reati ambientali a carico di 8 persone – 5 poste agli
arresti domiciliari e 3 assoggettate all’obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria –
nonché il sequestro di disponibilità finanziarie per complessivi 1.200.000 euro, di un
impianto di recupero rifiuti ubicato in Gessate (MI) e di 4 automezzi.
L’indagine, svolta dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Gorgonzola, trae origine
dal sequestro risalente al dicembre 2018 di una discarica abusiva di oltre 30.000 mq sita in
Cassano d’Adda (MI), ove erano state ammassate e interrate oltre 40.000 tonnellate di
rifiuti, inclusi “rifiuti pericolosi”, contenenti sostanze dannose per l’ambiente e per la salute
umana (frigoriferi, RAEE – “Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche” -, lamiere
di ferro, etc.). Il terreno così destinato rientrava, peraltro, nell’area naturale protetta del
Parco dell’Adda Nord.
Le successive investigazioni, dirette ad accertare le responsabilità ed eseguite anche con
l’ausilio della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura di Milano – aliquota Ambiente del
VI Dipartimento – consentivano, nel corso della medesima indagine e su delega della
Procura del capoluogo Lombardo, di sottoporre a sequestro, nel dicembre 2019, anche
un’altra discarica abusiva di 26.000 mq sita in Pioltello (MI), ove era in corso un’opera di
“reinterro area per raggiungimento quota stradale” con l’illecito utilizzo di rifiuti e dove
emergeva che anche nel passato erano state sotterrate grosse quantità di analoghi
materiali.
Sempre nella medesima attività d’indagine nel febbraio 2020 i Finanzieri sequestravano
anche un impianto di recupero e di riciclo ubicato a Liscate (MI), che raccoglieva rifiuti da
trasportatori non autorizzati compilando falsi formulari di identificazione per giustificare la
giacenza delle masse prese in carico.
Nel sistema fraudolento, che tra il 2016 e il 2020 ha trattato oltre 800.000 tonnellate di
rifiuti, sono risultate coinvolte 14 società e 28 persone tutte indagate a vario titolo, per i
reati di traffico illecito di rifiuti, falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico,
truffa, inquinamento ambientale e attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button