Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Eventi / Udine: L’UNICEF TORNA A DI PUNTO IN BIANCO

Udine: L’UNICEF TORNA A DI PUNTO IN BIANCO

Il 1° settembre, al flash mob più amato della città ci saranno anche le pigotte bianch

Tavagnacco, 12 agosto 2015 – Manca poco all’appuntamento, fissato per il 1° settembre, con Di Punto in Bianco, il pic nic tutto in bianco che da 5 anni anima il centro di Udine. Il flash mob, must delle grandi capitali europee e diventato appuntamento fisso anche nel capoluogo friulano sta come sempre scatenando la curiosità dei partecipanti per conoscere in anteprima i dettagli della serata. Sono quasi 2000 quelli che si sono già registrati attraverso il sito web http://dipuntoinbianco.udine.it e tramite APP dedicata da scaricare su Google Play e Apple Store.

Fra le novità di questa quinta edizione, la rinnovata collaborazione con l’Unicef. Di Punto in Bianco dall’anno scorso ha acquistato una dimensione solidale, sposando i princìpi ispiratori e le campagne umanitarie dell’organizzaione internazionale che si dedica ai bambini. I volontari del Comitato provinciale di Udine dell’Unicef parteciperanno alla serata allestendo un piccolo con alcune pigotte che, per l’occasione, saranno vestite completamente di bianco. Ovviamente, ci saranno anche le pigotte tradizionali che potranno essere “adottate”, contribuendo così ai progetti solidali in aiuto dei bambini.

La manifestazione, che ha il Patrocinio del Comune di Udine, può contare sull’aiuto di tanti sponsor: Dipo, CDA, CDA Lounge Bar, Eurocar, Sereni Orizzonti, Euro & Promos, Curves, Glp, Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia, Saita e UnipolSai Agenzia Udine Castello e dei technical supporter Italpol, H2Web, Out Escape Room, Grafitalia, KOKI, Mec 4 You, Piroblu, Cavò.

La formula, ormai collaudata, piace: è una cena all’aria aperta fra amici, in una location insolita tenuta segreta fino all’ultimo, svelata a poche ore dall’inizio. Leit motiv, come sempre, il bianco: vestiti, tavoli, sedie, tutto dovrà essere rigorosamente bianco, pena l’esclusione dall’evento. C’è chi è riuscito a portare anche tutte le pietanze in bianco. Quindi, in questo caso più che mai, spazio alla fantasia, alla creatività, all’inventiva: l’importante è che il bianco resti l’unico colore dominante.

I motivi del successo della manifestazione sono semplici: partecipazione gratuita, possibilità di vivere la città in maniera diversa, garbo dell’intrattenimento. Il tam tam dell’attesa e poi dei preparativi viaggia soprattutto sui social network e in particoalre sulla pagina Facebook, seguita da quasi

DI PUNTO IN BIANCO: IL REGOLAMENTO

dress code totally white (vestiti totalmente in bianco)

Bisogna avere con sé:
tavolo da pic-nic (quadrato o rettangolare)
sedie possibilmente bianche (vanno bene anche panche)
tovaglia e tovaglioli bianchi in stoffa
piatti in ceramica bianchi e bicchieri in vetro (plastica e carta vietati!)
cesto da pic-nic con le vostre prelibatezze culinarie
candele, centrotavola e quant’altro per abbellire la vostra tavola purché bianchi
sacchi per raccogliere i rifiuti a fine serata
DI PUNTO IN BIANCO: I NUMERI

Anno 2012 – Piazza San Giacomo – 670 partecipanti
Anno 2013 – Via Mercatovecchio – 1.500 partecipanti
Anno 2014 – Piazza Duomo – 3.800 partecipanti
Anno 2015 – Via Aquileia – 5.300 persone
L’iscrizione del proprio tavolo è obbligatoria. A disposizione dei partecipanti non c’è solamente il sito internet http://dipuntoinbianco.udine.it ma anche la APP, scaricabile da Apple Store e da Google Play, che consente di iscrivere il proprio tavolo, inserire nome e numero dei partecipanti.

Articolo di Roberto Mattiussi

Passione per il giornalismo, Webmaster, esperto Seo & On Line Marketing. Precedentemente anche Dj, Tecnico-Informatico , Regista in diverse Radio. Laurea nel 2004. Tutte le sere conduce il Telegiornale del FVG su Cafè24. Orari Tg: 19:20, 21:00, 00:05, 07:20. Tutte le mattine in onda su Radio Fantasy con la rassegna stampa alle 06:00, 06:30, 07:00, 07:30, 08:30.

Leggi anche...

Crollo Ponte Morandi: morti Axelle, Melissa, Nathan e William, ventenni francesi diretti in Sardegna

Axelle Place, Melissa Artus-Bastit e Nathan Gusman, William Pouzadoux. Ci sono anche questi quattro ragazzi ...

Rispondi