VENETO: 11.301 DISOCCUPATI, GIA’ 6.333 CONTRATTI STIPULATI. STRUMENTO PIÙ EFFICACE E MENO DISPENDIOSO DEL REDDITO DI CITTADINANZA”

Nel corso del 2018 in Veneto sono stati attivati 11.301 assegni per il lavoro a favore di disoccupati over 30. A fine anno  i contratti di lavoro stipulati dai beneficiari erano 6333, pari al 56 per cento degli assegni attivati.Un contratto su tre è a tempo indeterminato o superiore ai 6 mesi. Questa la prima evidenza del report  di monitoraggio, curato da Veneto Lavoro, sullo strumento introdotto in Veneto in via sperimentale a fine 2017, denominato ‘Assegno per il lavoro’.

“Il monitoraggio di un anno di applicazione dimostra che si tratta di uno strumento agile, utile a risolvere la presa in carico delle persone più fragili, in particolare i disoccupati da lungo tempo – dichiara l’assessore al lavoro Elena Donazzan – Questo strumento, unito ad una indennità di sostegno alla povertà, potrebbe essere un buon riferimento per far funzionare il reddito di cittadinanza, la cui complessità attuativa rischia di renderlo impraticabile”.

L’assegno per il lavoro, finanziato con 9 milioni di euro nell’ambito della programmazione regionale dei fondi Fse 2014-2020 , è una misura di politica attiva rivolta ai disoccupati over 30. Si tratta di un voucher virtuale, che ha un valore massimo di 5.242 euro, richiedibile presso i Centri per l’Impiego e attivabile in ognuna delle 400 sedi accreditate ai servizi per il lavoro nel territorio regionale. L’assegno dà diritto a ricevere servizi qualificati di orientamento e assistenza alla ricollocazione.

A fine 2018 gli assegni rilasciati dai Centri per l’Impiego in Veneto sono stati 13.863. Una volta ricevuto l’assegno i disoccupati hanno 30 giorni di tempo per scegliere l’ente accreditato presso il quale usufruire dei servizi di ricollocamento previsti. Al 31 dicembre gli assegni attivati erano l’82 per cento del totale, con picchi mensili registrati tra settembre e novembre. Più della metà degli assegni attivati, precisamente 56 su 100, si è tradotto in un contratto di lavoro stipulato: nel 31% dei casi si tratta di un contratto a tempo determinato o di durata superiore ai 6 mesi.

I beneficiari dell’assegno sono in prevalenza italiani (80 per cento), con più di quarant’anni di età (il 75%), ripartiti pressoché in ugual misura tra uomini (49%) e donne (51%). Il 35 % dei destinatari percepisce un ammortizzatore sociale, quasi sempre si tratta della Naspi. Degli oltre 100 enti di formazione accreditati che hanno aderito all’iniziativa, in nove hanno attivato il 70 per cento degli assegni: ai primi posti ci sono Gl Group (1672 assegni attivati), Umana (1449) ed Enaip Veneto (1042).