Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Cronaca / VENEZIA – Emabargo russo. Risoluzione del Consiglio Veneto. Grande coesione dei parlamentari

VENEZIA – Emabargo russo. Risoluzione del Consiglio Veneto. Grande coesione dei parlamentari

Il Veneto conferma il suo ruolo di capofila tra le regioni

italiane per un’azione su Bruxelles affinché Commissione e Parlamento europei

assumano adeguate misure di sostegno a ristorare le imprese, in particolare del settore

agroalimentare, dei danni subiti per effetto all’embargo verso la Russia. Il Presidente del

Consiglio regionale del Veneto, Clodovaldo Ruffato, ha infatti illustrato oggi a

parlamentari e senatori veneti, che l’hanno unanimemente condivisa, una risoluzione, già

approvata in Commissione Relazioni Internazionali, che impegna la Giunta regionale,

Governo nazionale, Commissione UE e Parlamento europeo ad “attivare ogni utile,

necessaria azione politico diplomatica per rimuovere e superare le cause e lo stato di

sanzioni e di embargo ed assumere misure di sostegno adeguate a ristorare le imprese e

i sistemi di filiera dei danni, contingenti e strutturali, subiti per effetto dell’embargo”.

All’incontro, tenutosi oggi a Palazzo Ferro Fini, sono intervenuti gli onorevoli Andrea

Causin (Lista Monti), Mario Dalla Tor (NCD), Federico D’Incà (M5S), Roberto Caon (LN),

Silvia Benedetti (M5S), Arianna Spessotto (M5S), i senatori Paola De Pin (Misto), Antonio

De Poli (PI), Laura Puppato (PD), Giorgio Santini (PD), Paolo Tosato (LN), Giovanni

Endrizzi (M5S) e i parlamentari europei Mara Bizzotto (LN) e Alessandra Moretti (PD).

Presenti anche l’assessore Isi Coppola (PdL_FIV) e i consiglieri regionali Nereo Laroni

(NCD), Carlo Alberto Tesserin (NCD), Diego Bottacin (GM), Stefano Falconi (LN),

Giovanni Furlanetto (GM), Amedeo Gerolimetto (PdL­FIV), Arianna Lazzarini (LN), Bruno

Pigozzo (PD), Lucio Tiozzo (PD). “Si sta determinando – ha detto in apertura il Presidente

Ruffato – una situazione molto difficile per il comparto agricolo nazionale e in particolare

Veneto. E le conseguenze non sono tanto nelle mancate esportazioni, ma soprattutto

sulla struttura della rete commerciale costituita negli anni, ma che oggi in Russia viene

sostituita da quella di altri paesi come Turchia e Cina. Viene vanificato un lavoro di anni

finalizzato alla promozione e sostenuto anche con contributi pubblici. E non saranno certo

i 125 milioni di euro stanziati da Bruxelles a ricompensare le perdite per le mancate

esportazioni, per la perdita di competitività dei nostri prodotti e per la perdita di migliaia di

posti di lavoro”. Ruffato ha sollecitato un intervento unanime per cercare di ridurre gli

effetti di un embargo che in un mercato globale come l’attuale non serve. E’ necessario ­

ha ribadito il presidente del Consiglio Regionale – rivederne i termini, ma soprattutto è

necessario rivedere i risarcimenti che l’Europa intende stanziare, perché 125 milioni di

euro non sono certo sufficienti”. Per l’assessore Isi Coppola non bisogna fare una

riflessione solo su quanto il tessuto produttivo regionale stia perdendo con questo

embargo, ma bisogna anche approfondire le conseguenze che questo produrrà sul

“sistema­Italia”, che in questo momento viene messo in alternativa con altri. “Non

focalizziamoci solo sugli indennizzi – ha detto l’esponente della Giunta – ma anche sulle

conseguenze a lungo termine che si avranno e quindi sugli interventi strutturali che da

subito si devono fare”.

Da tutti gli interventi è emerso l’auspicio che venga trovata al più presto una soluzione

diplomatica alla crisi ucraina, ritenendo l’embargo una risposta che penalizza soprattutto

la nostra economia. La Senatrice Laura Puppato, cha ha riportato in diretta un dialogo

avuto con il ministro dell’agricoltura Martina, ha auspicato che l’intervento di Federica

Mogherini – appena nominata agli affari internazionali dell’Unione europea ­ possa

portare ad una modifica per uscire da una situazione pesantissima e soprattutto che il

Consiglio dei Ministri avanzi la richiesta di avere da parte dell’Europa contributi retroattivi,

ovvero partendo dall’inizio dell’embargo.

Per Andrea Causin quello che sta accadendo a seguito della cosiddetta “guerra degli

embarghi” non è una questione isolata alle tematiche agro­alimentari, ma è un problema

che contrappone occidente europeo e Federazione Russa, e l’unica possibilità di

confronto, al di la di quella armata è sul piano economico e delle sanzioni, rispetto alle

quali è necessario trovare le giuste compensazioni su scala geo­politica. Il senatore

Giovanni Endrizzi ha espresso perplessità sul fatto che debba essere la Regione a

prendere l’iniziativa, per un problema su cui stanno pagando i territori più di quanto stia

pagando la Russia.

L’europarlamentare Mara Bizzotto ha invece sottolineato la forte preoccupazione per una

situazione che colpisce in particolare le aziende venete, “per cui – ha ribadito – è

necessario agire con iniziative di buon senso , riconsiderando le sanzioni europee e

rivedendo la quota stabilita per le compensazioni”.

Per Alessandra Moretti, europarlamentare, è necessario rivedere il modello di sviluppo

per difendere il marchio del “Made in Italy”, e per farlo serve, tra le altre cose, un’azione di

lobby e di relazione tra i diversi livelli di governo. “Ognuno faccia la propria parte – ha

detto – perché noi saremo tanto più autorevoli a livello europeo se riusciremo a fare

quelle riforme strutturali che necessitano al nostro paese”. “L’errore di fondo – ha detto

Paolo Tosatto – è stato quello di adottare iniziative che si sono rivelate un boomerang e

che non hanno avuto alcun effetto concreto”. Per Alessio Alessandrini gli embarghi

sono sempre serviti a poco, ma gli strumenti a disposizione oggi non sono in effetti molti.

In questa situazione è necessario avviare un processo innovativo del nostro sistema,

perché non è più sufficiente la qualità dei prodotti.

La seduta, affollata e seguita con estremo interesse (con oltre cinquanta presenze) si è

riaggiornata alle prossime settimane, ben sapendo che il 3 e 4 settembre si riuniranno a

Bruxelles i ministri dell’agricoltura dell’Unione europea, in seduta di lavoro insieme al

commissario.

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

PADOVA : IN AGITAZIONE I CONDUTTORI DEGLI NCC PER LA RIFORMA CHE SCATTERA’ IL PROSSIMO 1°GENNAIO .

Continua lo stato di agitazione della categoria NCC (Noleggio con Conducente) per la riforma complessiva ...

Rispondi