Roshe Run Outlet, Nike Air Max 90 Outlet, Air Jordan Outlet
Home / Notizie / Sport / VENEZIA – UNA TARGA IN MEMORIA DELLO SPORTIVO CORRADO ALY BELFADEL

VENEZIA – UNA TARGA IN MEMORIA DELLO SPORTIVO CORRADO ALY BELFADEL

A Ca’ Corner, sede della Provincia di Venezia, l’assessore provinciale allo Sport Raffaele Speranzon ha consegnato ai fratelli Massimo e Andrea Aly Belfadel una targa e una pergamena in memoria di Corrado Aly Belfadel, morto in un incidente in moto, e importante punto di riferimento dello sport mestrino e veneziano. Presenti i familiari di Corrado, gli amici e i numerosi colleghi sportivi. Nella pergamena, questa la motivazione: “La tenacia, la passione e la lealtà hanno contraddistinto il tuo impegno nello sport”. Nel corso della cerimonia sono intervenuti Alberto, Carlo e Piero, tre amici di Corrado che hanno voluto ricordarlo non solo per la passione sportiva, ma anche per la capacità di trasmettere energia positiva a chi gli stava vicino, sia nello sport che nel condividere il sapore della vita, ed è stato proiettato un video con immagini di alcuni momenti sportivi vissuti in allegria. L’assessore provinciale allo Sport Raffaele Speranzon ha commentato: «Abbiamo voluto ricordare con questo riconoscimento chi era Corrado e il suo grande esempio di passione sportiva e impegno civico. Ciò ha trovato conferma anche nella folta presenza di conoscenti e appassionati sportivi alla cerimonia. Sempre più, in una società in cui prevale lo sballo come proposta di divertimento, i nostri giovani hanno bisogno di modelli positivi per ritrovare fiducia nel futuro. Vivere con passione nello sport e per lo sport, e nelle attività di ogni giorno significa impegnarsi, sacrificarsi, andare sempre avanti per arrivare all’obiettivo che ci si è fissati, nel rispetto della famiglia, degli amici e della propria umanità in generale». Il fratello Massimo Aly Belfadel ha dichiarato: «Corrado viveva nell’amore per la moglie Giovanna e per i figli Pietro ed Emma. Nei confronti della famiglia d’origine mostrava un affetto rispettoso e sollecito nelle eventualità che si presentavano nel tempo. Gli amici e lo sport erano il suo mondo, dove la sua generosa personalità si rivelava in pieno. Al calcio dedicava tempo e passione, una passione che lo ha spinto a dedicarsi anche all’agonismo, all’allenamento di squadre giovanili e al rapporto con le famiglie dei piccoli atleti. Un amore per lo sport trasmesso anche al figlio Pietro per il calcio, e alla figlia Emma per il basket. La specificità di Corrado era l’entusiasmo per la vita in tutti i suoi aspetti, dai più semplici ai più complessi: la natura, il lavoro, la famiglia, lo sport erano vissuti sempre con attitudine positiva; le difficoltà affrontate con il sorriso del coraggio per cui ogni cosa perdeva drammaticità e diveniva sormontabile. La sua famiglia, gli amici e i piccoli sportivi porteranno nella mente e nel cuore il suo sorriso contagioso, che aiuta ancora oggi a vivere la vita con il suo sostegno».

Articolo di Redazione Venezia

Leggi anche...

IMPIANTI RISALITA MALGA CIAPELA (BL). ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO: “LA LEGGE STATALE VA CAMBIATA”

“Per quanto riguarda gli impianti di risalita di Malga Ciapela, il problema è essenzialmente quello ...

Rispondi