TG ECONOMIATOP NEWSVENETOVIDEO

VERONA: OPERAZIONE ANTIMAFIA. SEQUESTRATI BENI PER 1,5 MILIONI DI EURO

I finanzieri del Comando Provinciale di Verona, nell’ambito di più ampie investigazioni economico-patrimoniali,delegate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, retta dal Procuratore Giovanni BOMBARDIERI, per contrastare i tentativi d’infiltrazione della criminalità organizzata nell’economia legale, stanno procedendo – in queste ore – al sequestro del patrimonio societario e delle disponibilità economiche, per un valore complessivo di circa 1,5 milioni di euro, riconducibili (anche per il tramite dei familiari) a un imprenditore reggino da tempo stabilitosi e operante nella provincia di Verona nel settore dell’autotrasporto.
Si tratta, più in particolare, di una misura di prevenzione patrimoniale disposta dal Tribunale reggino (Sezione
Misure di Prevenzione) su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. L’Autorità Giudiziaria
calabrese ha infatti ritenuto solidamente fondato il quadro investigativo delineato dal Nucleo di Polizia
Economico-Finanziaria scaligero, delegato per l’esecuzione del provvedimento ablativo.
Tra i beni oggetto di sequestro vi è il 100% delle quote di una società a responsabilità limitata con sede legale
nella provincia di Reggio Calabria ed esercente l’attività di trasporto di merci su strada nella provincia di
Verona, nonché l’intero compendio aziendale composto da oltre 30 veicoli (per lo più autoarticolati) per il
trasporto e la movimentazione di merci.
Nell’ambito delle medesime operazioni le Fiamme Gialle di Verona stanno altresì sequestrando le somme di
denaro depositate su conti correnti bancari riconducibili al “proposto” nonché ai suoi stretti congiunti.
Le vicende alla base della misura di prevenzione si ricollegano a investigazioni economico-patrimoniali svolte
dai finanzieri scaligeri, sotto la direzione della medesima Procura calabrese, che lo scorso mese di settembre
hanno già portato il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Verona, ad eseguire un’analoga misura per un
ammontare di oltre 2,8 milioni di euro nei riguardi di un parente dell’odierno destinatario del provvedimento.
L’esito dei meticolosi accertamenti patrimoniali compiuti negli scorsi mesi dai finanzieri veronesi, valutato
dall’Autorità Giudiziaria competente, ha così portato all’ulteriore ingente sequestro.
La Guardia di Finanza, in applicazione della legislazione antimafia – risultata anche in questo caso
particolarmente efficace per contrastare l’accumulazione di ricchezze ritenute di provenienza illecita – ha, infatti,rilevato la reiterazione, nel tempo, di numerose condotte antisociali indicative di elevata “pericolosità” – desunte anche da una serie di condanne passate in giudicato per gravi reati, come quelli di ricettazione e bancarotta fraudolenta – nonché un’evidente incoerenza tra patrimonio posseduto e redditi dichiarati, con una sproporzione complessiva di oltre 850 mila euro.
Tali elementi hanno portato le Fiamme Gialle scaligere a richiedere alla Procura della Repubblica reggina di
valutare l’applicazione della più stringente normativa di prevenzione antimafia, così da pervenire in tempi brevi
al consistente sequestro, finalizzato alla successiva definitiva confisca a favore dello Stato.
L’importante operazione odierna, frutto della più ampia sinergia tra l’Autorità Giudiziaria e la Guardia di
Finanza, se da un lato testimonia l’efficacia dell’azione di contrasto nei confronti delle organizzazioni criminali e
dei soggetti abitualmente dediti a vivere nell’illegalità e la capacità di colpirli nel cuore dei propri interessi
economici, restituendo alla collettività i beni illecitamente accumulati, dall’altro ribadisce che la criminalità
ricerca anche in questo territorio ogni forma di investimento e di dissimulazione delle proprie disponibilità
economiche.
Resta pertanto molto elevato il livello di guardia delle Fiamme Gialle scaligere nei confronti di tali fenomeni
che, soprattutto nel particolare periodo storico di congiuntura economica generata dalla crisi pandemica,
rischiano di inquinare il tessuto produttivo sano e di alterare le regole di leale concorrenza, danneggiando gli
operatori onesti e di trovare così occasioni di impiego di risorse di provenienza illecita, pericolo quest’ultimo
reso più concreto in vista dell’imminente avvio del P.N.R.R.

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button