VENETO

PADOVA : ELETTA LA NUOVA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEGLI STUDENTI DELL’UNIVERSITA’

Il 13 aprile il Consiglio degli Studenti di nuova composizione si è riunito telematicamente per rinnovare la presidenza dell’organo, la carica di rappresentanza studentesca più alta dell’Ateneo, ed eleggendo a maggioranza assoluta Emma Ruzzon, attuale rappresentante presso il Centro Universitario Sportivo.
Per l’UDU Padova è il secondo mandato consecutivo in cui detiene la maggioranza dell’organo, con 25 rappresentanti (su un totale di 43 seggi), diretta conseguenza dei risultati elettorali ottenuti a dicembre 2020 e del costante impegno nella rappresentanza a qualsiasi livello.
La neo-Presidente Ruzzon si è presentata con un programma ambizioso, che vedrà l’organo come punto di riferimento della comunità studentesca
“Siamo nel mezzo di una fase storica che in ogni caso segnerà una svolta” dichiara la neo-Presidente “Proveniamo da un periodo complesso, ma la vera sfida si apre ora. Dovremo essere responsabili, tutti e tutte, e lavorare insieme e compatti affinché la comunità studentesca venga ascoltata. Il lavoro non sarà solo istituzionale, ma anche inevitabilmente politico, sarà importante tenere alta l’attenzione verso temi cardine: garantire il diritto allo studio di tutte e tutti, ma tenendo alta l’attenzione anche sulle discussioni più attuali di rilevanza politica, quale il nostro ruolo nel pieno di una crisi sanitaria, da un lato, e climatica, dall’altro” e continua “come rimarrà di fondamentale importanza interrogarci su come rendere l’Università un luogo davvero inclusivo e accessibile per tutti e tutte”.

“Conseguire il CdS e la presidenza dell’organo per il secondo mandato consecutivo ci pone di fronte a nuove sfide” dichiara Pietro Notarnicola, coordinatore dell’UDU Padova “Abbiamo il dovere di proseguire e intensificare il lavoro cominciato due anni fa nell’organo, sfruttando le opportunità che offre dal punto di vista istituzionale e valorizzandone il lavoro affrontando tematiche politiche di rilievo per tutte e tutti gli studenti. Bisogna far si che anche il CdS dell’Università di Padova, nel suo piccolo, assieme alla rappresentanza e alla comunità studentesca nazionale, lavori ogni giorno per affermare la centralità dell’Università nel Paese, e la necessità di ripartire da istruzione e ricerca per superare l’emergenza sanitaria, economica e sociale!”

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button