TOP NEWSVENETO

PADOVA : Cinghiali, proseguono le azioni di contrasto  da parte della Provincia di Padova.

Nella lotta ai cinghiali la Provincia di Padova prosegue con gli interventi programmati. E’ stata realizzata infatti la perizia balistica richiesta per l’installazione di punti fissi di sparo in Comune di Ospedaletto Euganeo, oasi “Le Vallette”. Per procedere all’installazione delle altane – ha detto Vincenzo Gottardo, vicepresidente vicario della Provincia di Padova – abbiamo acquisito la perizia balistica effettuata da un tecnico per valutare la zona di interesse che si estende lungo il perimetro di un’area a bosco nella quale trova dimora e rifugio una consistente colonia di cinghiali responsabile di numerosi danneggiamenti alle colture circostanti. Gli elementi da tenere in considerazione per l’installazione delle altane sono numerosi”.

Il cinghiale deve essere individuato in prossimità del fossato e della zona acquitrinosa, cioè quando l’animale è appena uscito dall’Oasi di protezione per dirigersi verso le culture circostanti, raggiunte le quali potrebbe facilmente disperdersi, produrre danni, rendendo più difficile l’abbattimento. La valutazione tecnica suggerisce la collocazione delle altane a distanza di circa un centinaio di metri l’una dall’altra e a distanza di circa 20 metri dai limiti acquosi dell’Oasi di protezione, lungo tutto il perimetro. Sono state individuate dieci posizioni nelle quali sarebbe possibile collocare le altane prefabbricate in metallo con piano di calpestio a quattro metri di altezza rispetto al piano di campagna. Tra i diversi luoghi individuati per posizionare le altane, alla luce della perizia tecnica e dell’esperienza degli agenti di Polizia Provinciale e dei selecontrollori, è stata richiamata la necessità di prevedere delle vie di accesso con autovetture e la possibilità di movimento nelle fasi di raggiungimento delle postazioni e di recupero dei capi abbattuti.

“Abbiamo inviato la perizia balistica alla Regione Veneto – ha concluso Vincenzo Gottardo – che l’ha prontamente acquisita con un decreto e, attraverso l’ufficio competente, ha già inoltrato la richiesta di assenso ai proprietari terrieri per l’installazione delle altane nei dieci punti localizzati, con l’obiettivo di garantire la sicurezza del fattore antropico e la massima efficacia degli interventi. La Provincia sta coordinando le iniziative intervenendo sul territorio in collaborazione con la Regione Veneto, il Parco Regionale Colli Euganei, alcuni Comuni della zona e i rappresentanti delle associazioni di categoria. Non possiamo perdere tempo, servono azioni tempestive per la gestione e il contrasto all’emergenza dei cinghiali, anche perché le aree danneggiate si stanno espandendo ed il problema si allarga anche nei Comuni di Battaglia Terme, Pernumia, Cervarese Santa Croce, Teolo e parte di territorio contiguo al Parco Colli”.

 

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button